CALCIO – Fiumicino, insulti razzisti nei confronti di un calciatore del Ladispoli

22/1/2017 – Un episodio vergognoso, da condannare senza se e senza ma. È quanto avvenuto ieri sul campo di calcio del Cetorelli di Fiumicino dove si stava svolgendo la 13ma giornata del campionato Allievi Fascia B Elite che ha visto il giovanissimo Omar Mendola diventare vittima di cori razzisti. Tutto è iniziato quando Omar giocatore di colore del Ladispoli, sbaglia un’azione da goal. Nulla di nuovo in campo. Ieri però i fischi che normalmente “puniscono” un errore in campo non bastano. Un gruppo di idioti, perchè definirli tifosi sarebbe un’offesa nei confronti di chi ama davvero lo sport, inizia a rivolgere nei confronti di Omar insulti di ogni tipo. Parolacce e sopratutto cori razzisti. Il giovane bomber sopporta per qualche minuto, nel frattempo il suo rendimento in campo peggiora. Inevitabile quando si è bersaglio di offese vergognose. Alla fine cede e scoppia in lacrime. Finito l’incontro con la vittoria dell’Atletico Fiumicino, la squadra si è subito stretta attorno a Mendola. «I miei ragazzi, subito dopo il triplice fischio, – ha spiegato il tecnico Borrelli – sono corsi da Mendola per rincuorarlo, ma lui continuava a chiedersi il perché di questa situazione. Noi società del Ladispoli lavoriamo tutti giorni per insegnare, innanzitutto, il rispetto ai nostri ragazzi e sentire poi queste cose ci rattrista molto». Dispiaciuto anche il tecnico dell’Atletico Fiumicino Desideri: «Un episodio davvero spiacevole, capitato per colpa di alcuni individui sconosciuti che spesso vengono a vedere le nostre partite. Chiedo ancora mille volte scusa, a nome di tutto l’Atletico Fiumicino, al ragazzo, alla sua famiglia e alla società del Ladispoli».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here