X Municipio, prorogato di 6 mesi il commissariamento

29/12/2016 – Ancora per sei mesi. Il Consiglio dei Ministri ha deciso che il X Municipio dovrà essere commissariato per ancora sei mesi. Il primo affidamento della gestione del X Municipio ad una commissione straordinaria era avvenuto il 27 agosto 2015 per la durata di diciotto mesi, la proroga consentirà quindi il proseguimento delle operazioni di risanamento delle istituzioni locali. Entrambe le deliberazioni sono state adottate su proposta del Ministro dell’interno, Marco Minniti. Insomma, le istituzioni locali ancora non sono state “depurate” dalle infiltrazioni criminali che lo avevano portato allo scioglimento

LE REAZIONI

Giovanni Zannola (PD)“Rispettiamo la decisione del Governo, ma non possiamo assolutamente ritenerci soddisfatti di quanto fatto finora. Probabilmente si sta lavorando a dei cambiamenti non percettibili, perché ad oggi il territorio risulta a dir poco ‘trasandato’: dalla manutenzione stradale alla cura del verde, dai servizi sociali alla gestione delle spiagge. I Prefetti ne prendano atto e operino un’immediata inversione di tendenza, altrimenti tra sei mesi di questo Municipio resteranno soltanto le macerie.”

Casapound – «La proroga del commissariamento per mafia del municipio di Ostia è un’assurda ingiustizia ed una prepotenza nei confronti dei residenti che non potranno andare al voto fino al prossimo autunno». Lo dichiara in una nota Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano. «Il malaffare che ha causato il commissariamento – continua Marsella – è nel palazzo ed in quei partiti che fino ad oggi non hanno mosso un dito per chiedere le elezioni. Siamo pronti alle barricate contro chi ha paralizzato l’intero territorio e vogliamo coinvolgere tutti i quartieri affinché sia anticipata la data delle elezioni». «Siamo gli unici – ha aggiunto Carlotta Chiaraluce, portavoce di CasaPound X Municipio – ad esserci battuti da subito per chiedere le elezioni: abbiamo organizzato manifestazioni e cortei, abbiamo sfidato un sistema marcio e siamo stati perfino denunciati in 13 per aver occupato il municipio chiedendo elezioni sacrosante. Dal Pd al M5S sono invece sempre stati tutti d’accordo nel sostenere un commissariamento farsa. Non resteremo a guardare ed invitiamo – ha concluso Chiaraluce – cittadini, associazioni, commercianti, imprenditori e comitati ad unirsi alla nostra mobilitazione».

Gioacchino Assogna Psi X Municipio – Siamo di fronte all’ennesima provocazione del Governo fotocopia a guida PD, che fa un inaspettato e vergognoso Decreto di proroga di ulteriori 6 mesi del commissariamento Prefettizio per “infiltrazioni Mafiose”, con danni inenarrabili per il nostro X Municipio di Ostia. E’ inaudito che dopo una esperienza di 16 mesi, assolutamente negativi e di immobilismo, si privino i cittadini del litorale di Roma del diritto di voto e di scelta dei propri Amministratori Municipali. Si tratta di un diritto di valore Costituzionale, che con troppa leggerezza viene ulteriormente sospeso a causa di una inaccettabile arroganza politica, giustificata dalle convenienze elettorali, visto che il PD considera Ostia persa e non contendibile, dopo le gravi responsabilità per gli affari corruttivi emersi tra i suoi Amministratori. Le responsabilità politiche di questo incredibile Decreto per Mafia sono evidenti dal giudizio di “contentezza” espresso dall’ineffabile Commissario del PD di Ostia, Sen. Esposito. Come Socialisti esprimiamo la più ferma protesta contro questo inaccettabile Decreto, che accredita sul piano Istituzionale una situazione “assolutamente inventata” di persistente presenza di infiltrazione mafiosa, confondendo la criminalità per racket e droga con il controllo mafioso del territorio e dello stesso Municipio, quando questi noti personaggi già coinvolti nelle azioni della Magistratura dagli anni 2000, non hanno mai partecipato a bandi e lavori pubblici. Non ci si rende conto che si sta distruggendo l’economia di Ostia e le possibilità di un suo rilancio, paralizzata in ogni atto pubblico per ottenere persino il Certificato Antimafia da parte della stessa Prefettura. In verità se si dovesse obiettivamente valutare i fatti realizzati dalla nuova Dirigenza, dovremmo considerare la situazione della struttura Amministrativa del Municipio in termini involutivi e negativi con almeno 5 bandi pubblici totalmente errati e sospesi, con danni sia per le entrate nel bilancio, che per i danni causati alle Società interessate. E’ sperabile che altre forze politiche e le Associazioni Sociali e Sindacali facciano sentire la loro voce e chiedano la cancellazione e la decadenza Parlamentare del Decreto palesemente ingiusto e ingiustificabile, che peraltro non ha i requisiti dell’urgenza a motivazione della emissione del Decreto stesso in base alle norme Costituzionali. Come Socialisti, pensiamo sia indispensabile una presa di posizione pubblica la più larga possibile, anche attraverso una Conferenza Stampa da tenersi nei prossimi giorni.

Sinistra Italiana X Municipio – Il nostro Municipio è allo sbando. E’ sotto gli occhi di tutti la condizione di assoluto abbandono in cui versa il nostro territorio. Il prolungamento del commissariamento prefettizio, diffuso per altro attraverso le agenzie di stampa dal CdM evitando qualsiasi forma di confronto pubblico con le Istituzioni, aggrava enormemente questa situazione di degrado e determina, di fatto, il prolungamento della privazione del diritto costituzionale che hanno i cittadini del Municipio X di eleggere direttamente i propri rappresentanti nel Consiglio Municipale. Ma non finisce qui. Come Sinistra Italiana del X Municipio lanceremo una raccolta di firme a sostegno di una petizione popolare per il diritto al voto, che invieremo al Presidente della Repubblica Mattarella, alla Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi e al Ministro degli Interni Marco Minniti e promuoveremo un periodo di mobilitazione permanente al fianco delle forze democratiche e dei cittadini del territorio. Con queste iniziative è nostra intenzione colmare i vuoti lasciati dalle Istituzioni e dare risposte ai cittadini. Vogliamo partecipare al cambiamento politico ed amministrativo del nostro territorio nella convinzione che la pratica della democrazia ed il conseguente controllo popolare siano lo strumento di lotta più efficace contro corruzione ed illegalità di ogni genere. Marco Possanzini e Roberto Ribeca per Sinistra Italiana X Municipio.

Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale – In merito alla decisione di prorogare ulteriormente il voto nel X Municipio la posizione di Fdi-An è sempre stata chiara: abbiamo sempre espresso la nostra contrarietà a ulteriori proroghe . Per noi si doveva votare a giugno anche perché a questo punto si voterà ad ottobre con rischio astensione. Il X Municipio continua a pagare ingiustamente per la mala gestione di Marino e della sua giunta, il X Municipio è di fatto stato il capro espiatorio delle malefatte del Pd e ancora a farne le spese sono i cittadini. Il X Municipio ha bisogno della sana politica e di tornare al voto al più presto e la decisione di prorogare ulteriormente il voto è una decisione ingiusta che noi come Fdi-An non abbiamo mai sostenuto”. A dichiararlo con una nota congiunta Andrea De Priamo consigliere comunale e vice presidente Aula consiglio comunale e Monica Picca portavoce X Municipio Fdi-An.

 

CONDIVIDI

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here