Esplosione Dragoncello, sequestrata l’area del crollo

30/12/2016 – È sequestrata e transennata l’area di via Giacomo della Marca a Dragoncello dove ieri a causa di un’esplosione, il crollo di una palazzina di due piani‎ ha ucciso Debora e Aurora, mamma e figlia, e ferito altre due persone. Secondo quanto riferito al momento è stata evacuata solo la palazzina accanto a quella crollata.
“Sono in corso le verifiche da parte dei Vigili del Fuoco e dei consulenti. Le indagini sono appena iniziate – ha spiegato Paolo Del Giacomo comandante della Compagnia Carabinieri di Ostia ‎- ancora tutte le ipotesi sono da vagliare”. In merito all’ipotesi di una fuga di gas, Del Giacomo ha risposto: “è da accertare come tutte le altre”.  La procura di Roma ha affidato a due ingegneri l’incarico di svolgere gli accertamenti tecnici sul crollo dell’edificio di Acilia nel quale si è verificata, ieri pomeriggio, una forte esplosione. Gli inquirenti, al momento, non escludono alcuna ipotesi in merito alle cause della deflagrazione. Nella sciagura, hanno perso la vita una mamma e la sua bambina di 8 anni, mentre due persone sono rimaste feriti. Il pm Mario Palazzi, titolare del fascicolo di indagine, procede per disastro e omicidio colposo. Sul luogo della sciagura, è stata rinvenuta una bombola di gas di piccole dimensioni, integra da 25 litri, ma non è escluso che sotto le macerie ce ne possano essere altre. Domani, presso l’ospedale Tor Vergata, saranno effettuate le autopsie delle due vittime.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here