Civitavecchia, sigilli alla cava della Tirrenica Bitumi

29/10/2016 – Sigilli alla cava della Tirrenia Bitumi di Civitavecchia. Ieri infatti gli uomini del nucleo di polizia giudiziaria della polizia locale del comandante Pietro Cucumile si sono presentati al cancello del cantiere ed hanno eseguito il sequestro dell’area che si estende su un terreno vasto circa sei ettari ubicato in località Casale dell’Argento sulla strada Sassicari. L’intervento è scattato su ordine del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Civitavecchia e su delega del pubblico ministero Alessandro Gentile della procura della Repubblica. Palazzo del Pincio ha commentato il blitz spiegando che «sebbene rientrante nella zona boscata del vigente PTPR (il piano territoriale paesaggistico regionale, ndr), infatti, era stata realizzata un’attività di recupero di rifiuti non pericolosi (fresato bituminoso) senza aver ottenuto l’autorizzazione paesaggistica e senza aver effettuato la necessaria comunicazione prevista dall’art. 216 del testo unico ambientale». Inoltre spiega ancora la nota dell’amministrazione di Civitavecchia «erano state realizzate opere di livellamento del terreno per la creazione di piazzole e vasche in assenza della prescritta autorizzazione paesaggistica». Le operazioni di sequestro sono iniziate alle 11,30 circa per concludersi nel pomeriggio 15, dopo aver sgombrato l’area adibita alla coltivazione di cava da veicoli e persone, apponendo i sigilli al varco di accesso.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here