Casalpalocco, Anffas dona ausili per gli studenti diversamenti abisili all’Ic Tullia Zevi

12/9/2016 – Una scuola accessibile a tutti, anche alle persone con disabilità. E inevitabile che in questa direzione importante fosse l’intervento di Anffas Ostia Onlus, l’associazione delle famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale. «Sono anni che come associazione di famigliari portiamo avanti campagne di sensibilizzazione. – spiegano dalla onlus di via del Sommergibile – Lo abbiamo fatto con le strutture balneari, donando diversi Job Walker, speciali ausili per permettere a tutte le persone con scarsa mobilità di poter accedere ai vari servizi in spiaggia. Torniamo a farlo con le scuole di Roma e del X Municipio di Roma. Questa mattina abbiamo donato all’istituto Comprensivo Tullia Zevi di Casalpalocco un sollevatore, un letto completo di sponde con materasso e un banco speciale. Ausili che le permetteranno di essere una delle poche scuole della Capitale in linea con le normative statali, garantendo in questo modo a tutti i bambini con disabilità dignità e il diritto allo studio. Va ricordato che esiste una disposizione di legge che obbliga gli enti istituzionali a dotare gli istituti scolastici di ausili per la completa accessibilità e fruibilità delle scuole alle persone con disabilità. Con la Tullia Zevi, sulla scia dei vari protocolli di intesa fin qui siglati tra Anffas Ostia e alcune scuole della Regione Lazio, sono state anche tracciate le linee guida per affiancare in maniera totalmente gratuita agli insegnanti curriculari, nostri educatori professionali che rappresenteranno un aiuto e un sostegno per gli stessi insegnanti, per gli alunni con disabilità e per i compagni. In questo modo si garantirà il pieno rispetto dei diritti di tutti: del bambino con disabilità di poter seguire le attività in classe e dei suoi compagni, rispettando al tempo stesso – concludono da Anffas – la professionalità e la prerogativa degli insegnanti con competenze tecniche di diverso tipo. L’obiettivo è favorire l’inserimento del ragazzo nel contesto scolastico, eliminando del tutto l’uso delle aule di sostegno peraltro vietate dalla legge».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here