Vitinia, materiali pericolosi abbandonati a due passi da un torrente

29/8/2016 – Perossido di idrogeno, ipoclorito di sodio, sostanze corrosive, sono alcuni dei prodotti contenuti nelle centinaia di taniche abbandonate in via del Risaso a Vitinia. Il tutto accanto al torrente che arriva dritto al Tevere. A fare la scoperta alcuni residenti del quartiere che si sono trovati davanti alla distesa di contenitori blu accompagnati da numerosi sacchi neri della spazzatura stracolmi. Prodotti quelli contenuti nelle taniche normalmente utilizzati per la depurazione dell’acqua come l’ipoclorito di sodio quindi relativamente innocui ma che sono stati abbandonati insieme a più pericolose sostanze inquinanti che se immessi nella natura rischiano di causare danni inimmaginabili. Una situazione di alta emergenza, già denunciata alle forze dell’ordine che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell’abbandono, che ha portato grazie al tam tam su internet ad avviare l’organizzazione di una giornata di pulizia per allontanare in attesa di interventi specializzati i contenitori dal corso d’acqua e tentare di metterli in sicurezza. Informato della questione anche l’assessore all’Ambiente del XI municipio Marco Antonini. Un episodio che ancora una volta porta in primo piano le condizioni di estremo abbandono in cui versano le strade più periferiche dei quartieri. Oltre a via del Risaro infatti più volte ad Ostia Antica è stata denunciata la presenza di numerose discariche abusive lungo via Capo due Rami, strada che finisce direttamente nel Tevere e che nonostante questo è da tempo completamente abbandonata a sé stessa nonostante le ripetute richieste di interventi dei residenti del quartiere. Situazione critica anche quella di via del Collettore Secondario vittima ripetutamente degli incivili dell’immondizia che preferiscono abbandonare i rifiuti in strada piuttosto che raggiungere le isole ecologiche presenti nel territorio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here