Ostia, pubblicato il bando per i servizi di salvataggio sulle spiagge tornate al X

10/8/2016 – È stato pubblicato sul sito del X Municipio il bando per l’affidamento dei servizi connessi alla balneazione sulle spiagge di Castelporziano, dell’ex Amanusa, dell’ex Faber beach, dell’ex L’arca, dell’ex colonia delle suore figlie di Maria Immacolata di fronte alla Vittorio Emanuele III e della spiaggia libera a destra del Canale dei pescatori. Il bando che prevede l’assegnazione dei servizi «indispensabili per la tutela della salute e dell’incolumità pubblica» fino al 30 settembre arriva per quelle spiagge che negli ultimi mesi sono rimaste senza gestione a causa dell’intervento dell’autorità e per la restituzione della concessione come nel caso dell’Amanusa e che quindi erano prive di assistenti ai bagnanti tanto da aver portato la capitaneria di porto a disporre l’apposizione di cartelli informativi con il quale indicare, pena sanzioni, proprio l’assenza di bagnini. Poco più di un mese il tempo di assegnazione del bando che vedrà infatti l’apertura delle buste il 26 agosto (il giorno prima è il termine ultimo per la presentazione della propria offerta). Un appalto da 45mila euro quello che verrà diviso tra i vincitori del bando che dovranno garantire venti postazioni mobili localizzate secondo le disposizioni dell’Ufficio Demanio Marittimo, complete di bandiere di segnalazione, dotate di ombrellone e sedia tipo regista. Queste saranno corredate da manifesti riguardanti l’orario del servizio di salvamento a mare, i numeri telefonici di emergenza e di pubblica utilità. Tra i requisiti inseriti nel documento pubblicato in ritardo anche a fronte dei procedimento giudiziari che coinvolgono il Faber Beach e le spiagge dei Cancelli  anche quello «dell’esecuzione negli ultimi tre anni (2013-2014-2015), con riferimento al solo servizio di assistenza e salvataggio, di un fatturato specifico nel settore oggetto della gara pari almeno a € 45.000» Insomma chi si aggiudicherà il bando dovrà sapere cosa fare ed averlo già fatto negli ultimi tre anni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here