Ostia, ristoranti “a scomparsa” scoperti dalla polizia locale

23/8/2016 – Riso, pasta, insalatone, frutta e fichi d’india, oltre alle immancabili bevande ghiacciate, il tutto servito e condito nelle immancabili stoviglie di carta. È la nuova frontiera dell’abusivismo commerciale sulle spiagge del litorale romano. Gli improvvisati ristoratori, hanno adottato un nuovo metodo: arrivare nel pomeriggio inoltrato, quando i caschi bianchi sono ad organico ridotto a causa dei servizi antimeridiani e, grazie ai loro furgoncini, allestire in tutta fretta dei ristorantini con vista mare. Mezz’ora al massimo il tempo di permanenza, proprio per evitare di essere sorpresi dagli agenti preposti al controllo a causa delle segnalazioni. Trascorsa la mezz’ora l’attività gastronomica, scompare magicamente per poi riapparire sempre sulla spiaggia a qualche chilometro di distanza, servendo arenili colmi di nuovi potenziali avventori. Questo pomeriggio però, gli uomini del X gruppo Mare e del gruppo Sicurezza Pubblica Emergenziale della polizia locale li hanno sorpresi sequestrando oltre 450 kg, ottanta dei quali solo di riso e pasta fredda, di generi alimentari ed elevando sanzioni per oltre 75mila euro. Le operazioni di contrasto al commercio abusivo, fortemente volute dal Commissario Vulpiani, sono state infatti effettuate, “spalmando” il personale nell’arco delle 24 ore e facendo sì che almeno per questa volta, gli improvvisati ristoratori abusivi, si trovassero a “fare i conti senza l’oste”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here