Ostia, tenta di suicidarsi ma viene salvato dai poliziotti

18/7/2016 – Aveva annunciato la sua intenzione di togliersi la vita inviando sms d’addio alla moglie, alla figlia e agli amici. Così aveva scelto di salutare quella vita che negli ultimi tempi non aveva fatto altro che riservargli un dolore dietro l’altro. A salvare l’uomo, un 60enne di Ostia dal suo intento suicida gli agenti del commissariato Lido che sono riusciti a rintracciarlo e convincerlo a portarlo in ospedale dove si trova ora ricoverato. Gli ultimi anni per Paolo (lo chiameremo così, ndr) non erano stati facili. La morte del figlio, seguita da numerosi interventi chirurgici, la perdita del lavoro e quel rapporto con la moglie che giorno dopo giorno si andava sgretolando. Vicissitudini che lo avevano fatto piombare nella disperazione tanto da arrivare alla decisione di togliersi la vita. Domenica pomeriggio aveva preso il coraggio con le mani e dopo essere uscito a bordo della sua Ford grigia aveva recuperato diverse confezioni di Lexotan e Tavor, due miorilassanti. Aveva guidato per diversi minuti fino a raggiungere via della Stella Polare. Qui l’invio del messaggio d’addio e le pasticche assunte. Quello che l’uomo non sapeva è che non appena inviato quell’ultimo sms la macchina delle ricerche si era immediatamente messa in moto. Gli agenti del commissariato Lido infatti avevano accolto la disperata richiesta di aiuto della moglie del 60enne e avevano avviato su tutto il territorio del X Municipio le richieste. Quasi due ore durante le quali i poliziotti hanno battuto a tappeto il litorale romano. Intorno alle 20 la segnalazione di quell’auto parcheggiata in via della Stella Polare. Al suo interno Paolo. Solo dopo lunghi minuti durante i quali più volte il 60enne ha ribadito più volte di volersi uccidere finalmente i due agenti sono riusciti a convincerlo a rinunciare al tentativo di suicidio e di accettare di essere accompagnato al pronto soccorso del Grassi per le cure del caso dove è stato portato dal 118. Giunto in ospedale la conferma: se i poliziotti non fossero intervenuti tempestivamente probabilmente per Paolo non ci sarebbe stato nulla da fare e le medicine avrebbero fatto il loro effetto facendolo scivolare velocemente dal sonno alla morte. Per l’uomo adesso i sanitari dell’ospedale hanno disposto il ricovero in ospedale per le cure psichiatriche del caso.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here