LA PSICOLOGA – In sua compagnia anche nei nostri momenti migliori: l’ansia generalizzata

Vuoi rivolgere una domanda alla dottoressa Martina? Scrivile a ostia@newsgo.it 

18/6/2016 – Spesso l’ansia generalizzata viene definita come una paura senza oggetto proprio per il suo insorgere anche quando non vi è un reale apparente pericolo o difficoltà da affrontare. È la risposta corporea ad un disagio emotivo. Generalmente si possono tracciare tre aspetti attraverso i quali si manifesta:
sintomi psichici > sensazione di apprensione, paura, inquietudine, irritabilità, difficoltà nel concentrarsi, sfiducia in se stessi, stato di preoccupazione continua, sensazione di mente confusa, reattività eccessiva al minimo stimolo, facilità al pianto
sintomi fisici > disturbi intestinali, tensioni muscolari, facile affaticabilità, crampi allo stomaco, capogiro, vomito, ronzii alle orecchie, visione confusa, dolori localizzati privi di evidenti cause organiche.
sintomi neurovegetativi > fiato corto, senso di soffocamento, aumento del battito cardiaco, sudorazione, mani fredde, bocca asciutta, nausea, diarrea, senso di sbandamento, vampate.

È importante sottolineare che è d’obbligo distinguere tra un’ansia generalizzata positiva e quella patologica.
La prima è una risposta naturale dell’organismo a situazioni di stress o pericolo; ha una intensità leggera e proporzionata rispetto alla difficoltà di fronteggiare; ha una durata limitata nel tempo e soprattutto è funzionale ad aumentare il nostro rendimento; non compromette le quotidiane attività né il rapporto con le altre persone; permette di rendere di più, per esempio può stimolare a studiare di più per un esame.

Spesso lo stress a cui facciamo riferimento non è solo legato agli aspetti tipici del vivere moderno, fatto di velocità e di attesa di prestazione, quanto piuttosto da uno o più eventi traumatici di natura sia personale – lutti, violenze, rapine – sia collettiva, terremoti, grossi nubifragi, crolli. Si tratta di esperienze che possono causare un turbamento psichico o nell’immediato (reazione acuta) o a distanza di tempo (reazione cronica). Si attiva uno stato psicologico di allarme, di attesa incombente, sensi di colpa, evitamento di qualunque evento in associazione a stimolazioni ambientali simili al pregresso, disturbi del sonno.

Quando l’ansia generalizzata non rappresenta più uno stimolo e diviene un vero disturbo, si passa ad una caratterizzazione patologica. Diventa intensa, si presenta continuamente e per periodi sempre più lunghi, mettendo a repentaglio la quotidianità e i rapporti interpersonali.

Le persone ansiose sopravvalutano il potenziale dannoso e pericoloso degli eventi e sottovalutano la loro capacità di poterli fronteggiare e risolvere. I pensieri sono altamente distruttivi e arrivano a produrre veri attacchi di panico in cui vi è un presagio di enorme drammaticità, vicino alla morte.

L’ansia generalizzata, dunque, è un disturbo che spesso limita di molto le prestazioni di una persona. Si può arrivare o ad una sindrome depressiva, a causa dell’incapacità di vivere una vita in piena autonomia dal vincolo della sintomatologia e dall’idea di sé di incapacità; oppure all’abuso di alcool o di psicofarmaci o di tutte quelle sostanze che hanno un effetto “sedativo” dello stato ansioso.

I trattamenti dell’ansia generalizzata spesso sono solo di natura farmacologica. Importante è invece associare anche un percorso di psicoterapia che permetta alla persona di

dare la giusta dimensione e significato al proprio stato, che non deve essere visto solo come “castrante” ma anche come veicolo di informazioni importanti su di sé, sul grado di stress raggiunto e su come dare la più corretta risposta al proprio stato emotivo. E’ necessario non pensare mai di prendere le distanze dalle manifestazioni che la nostra psiche mette in campo, ma accettarle nelle diverse sfaccettature. Siamo come una pianta a cui va data attenzione anche e soprattutto quando ha qualche foglia che diventa gialla. E’ sempre una nostra foglia, ed è da lì che dobbiamo ripartire per capire quale concime usare per meglio crescere e rinverdirci.

Dottoressa Stefania Martina – psicologa, psicoterapeuta

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here