Profughi, domani a Fiumicino nuovi arrivi con i corridoi umanitari

15/6/2016 – Arriveranno domani da Beirut a Fiumicino altri 81 profughi in grande maggioranza siriani, grazie al progetto  dei “corridoi umanitari”. Si aggiungono ai 200 già giunti in Italia dal febbraio scorso. Ormai non è più un esperimento, ma una realtà concreta che consente a persone in fuga dalla guerra e in “condizioni di vulnerabilità” (vittime di persecuzioni, famiglie con bambini, donne sole, anziani, malati, persone con disabilità) di arrivare, in tutta sicurezza e legalmente, in Italia senza rischiare la propria vita nel Mediterraneo.
Il progetto, reso possibile grazie ad un accordo tra governo italiano, Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese, prevede l’arrivo di un migliaio di persone in due anni, non solo dal Libano, ma anche dal Marocco e dall’Etiopia. Si tratta di un modello replicabile di accoglienza e integrazione, tanto che ormai si sta studiano la sua realizzazione anche in altri Paesi europei. 

Saranno presenti:

Marco Impagliazzo, Presidente della Comunità di Sant’Egidio, Paolo Naso, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese; Mario Giro, Vice ministro degli Esteri, Daniela Rotondaro, ambasciatore in Italia della Repubblica di San Marino, insieme a rappresentanti del Ministero dell’Interno

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here