Infernetto, rubano elettricità. 15 in manette

22/5/2016 – Quindici persone in manette e un complesso residenziale sgomberato. È il bilancio dell’operazione che nei giorni scorsi i carabinieri di Ostia hanno portato a termine all’Infernetto volta al contrasto del furto di elettricità. L’intervento ha preso il via dopo una segnalazione giunta ai militari con la quale si spiegava che il contatore elettrico a servizio delle casupole era stato manomesso e di fatto l’elettricità veniva presa senza che i consumi venissero regolarmente pagati all’azienda elettrica. E quando i tecnici Acea si sono recati in via Gaspare Scuderi con i carabinieri hanno solo dovuto aprire il contatore per verificare

che era stato manomesso e dare il via libera agli arresti. Quattordici le persone in tutto, 9 cittadini romeni, 3 senegalesi e una coppia di indiani per cui sono scattate le manette. Il quindicesimo arresto è scattato per il padrone del palazzo, G.B. un romano di 81 anni. Per tutti il magistrato di turno Corrado Cappiello ha stabilito, nel corso dell’udienza di convalida, il rinvio a giudizio e il processo per furto di elettricità che per il proprietario di casa riguarda anche la sua attività commerciale che si trova a poca distanza. Tutti sono stati rimessi in libertà e potranno rientrare nelle loro abitazioni, in quanto è stata esclusa la possibilità di reiterazione del reato. I tecnici dell’Acea hanno infatti interrotto l’approvvigionamento elettrico. Il contatore di via Scuderi, secondo quanto emerso nel corso dell’udienza sarebbe intestato alla moglie dell’81enne che da tempo affittava i mini appartamenti, sembra in nero, a un affitto mensile di circa 300 euro, cifra che secondo quanto riferito dagli inquilini sarebbe stata comprensivi dei consumi. Nel corso dell’udienza il proprietario delle abitazioni avrebbe escluso un suo coinvolgimento e avrebbe spiegato di ricavare mensilmente circa 30mila euro dal comprensorio. Una cifra che secondo le stime dell’Acea corrisponderebbe alle cifre fino ad ora evase.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here