“Orgoglio Municipio X”, incontro con i cittadini

16/4/2016 – “Inaccettabile negare ai cittadini del X Municipio il diritto costituzionale al voto” E’ il filo conduttore dell’incontro che si è tenuto questa mattina nella sala Riario ad Ostia Antica. Ad organizzarlo il neo Comitato X Municipio – Mare di Roma, che nei giorni scorsi era “apparso” sul territorio con cartelloni pubblicitari e vele con su scritto “Mamma, papà, siamo romani: perché qui non ci fanno votare?”. “I gravi ritardi accumulati dalle parti politiche e dalle Istituzioni nell’affrontare i problemi del territorio, hanno portato, su iniziativa di esponenti della società civile, alla costituzione del Comitato X Municipio – Mare di Roma – si legge in una nota -. Il Comitato, statutariamente apartitico, si impegnerà su tutto quanto possa restituire sviluppo e dignità al territorio”. “Il contrasto e la lotta – senza se e senza ma – alla corruzione, alla criminalità organizzata, alla macro ed alla micro criminalità,alle illegalità di ogni tipo sono doverose per tutti: cittadini, forze dell’ordine, magistratura, apparati amministrativi” spiega ancora la nota del comitato – . Questa è la posizione della stragrande maggioranza degli abitanti del X Municipio.
Le finalità del Comitato, fissate nello Statuto, sono:

– contribuire al rilancio del X Municipio, promovendo e curando, in un quadro di miglioramento della coesione sociale, la tutela generale del territorio, salvaguardando gli interessi comuni e sviluppando quanto necessario per la crescita della vocazione turistica e culturale;


- coinvolgere insieme cittadini, forze imprenditoriali e professionali in un percorso progettuale che possa collocare positivamente le categorie economiche nella vita del territorio quale necessario volano occupazionale.

Gli straordinari assets ambientali, culturali, infrastrutturali, il significativo tessuto di piccole e imprese ben distribuite nei vari settori, rappresentano un patrimonio che va finalmente curato adeguatamente e messo a sistema per dare una prospettiva a coloro che vivono e operano nel X Municipio. E’ evidente a tutti – prosegue il comitato – che i problemi di legalità e di infiltrazione della criminalità organizzata attribuiti al solo territorio del X Municipio di Roma non sono diversi da quelli da molto tempo presenti, e talvolta in misura non meno grave e diffusa, in tutto il territorio della Capitale. Per non parlare di tante altre zone del nostro Paese. Il marchio di “mafiosità”, attribuito esclusivamente al X Municipio, rappresenta solo una atto che appare ogni giorno di più odiosamente inutile perché finisce per penalizzare in maniera pesantissima ogni prospettiva di crescita di un territorio che basa la sua economia in primo luogo sul turismo e sull’accoglienza. Il Comitato profonderà ogni energia per cambiare questa drammatica situazione indotta, in larga parte, da carenze e inadempienze politiche, valorizzando, in un quadro di legalità, le grandi potenzialità – civili, professionali e imprenditoriali – presenti nel territorio. Vogliamo che il X Municipio diventi un luogo capace di mantenere e quanto più possibile attrarre, talenti, attività economiche ed idee in grado di attivare percorsi di sviluppo che generino le risorse per affrontare le criticità sociali e le riqualificazione del territorio.  La corruzione va combattuta senza riguardi e senza quartiere – e non certo sopprimendo, come avvenuto in tempi recenti, il Tribunale di Ostia – perche essa è distruttiva del mercato. In questo obiettivo, in vista della imminente tornata di elezioni amministrative, il Comitato ha ritenuto necessario avviare, in via prioritaria, una garbata, ma decisissima, azione di sensibilizzazione affinché gli abitanti del territorio possano esercitare anch’essi il fondamentale diritto costituzionale di voto per l’elezione degli Organi municipali. Siamo convinti, più che mai, che l’espressione del voto dei cittadini resti l’elemento fondamentale per ogni duraturo progresso civile delle comunità”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here