Ostia, rubavano elettricità, in manette sette gestori dei banchi del mercato dell’Appagliatore

29/4/2016 – Avevano manomesso alcune centraline dell’Acea per avere una maggiore fornitura di elettricità rispetto a quella che regolarmente pagavano in bolletta. Sono così finiti in manette con l’accusa di furto aggravato i gestori di sette banchi presenti nel mercato dell’Appagliatore. L’intervento è arrivato nell’ambito dei controlli agli esercizi pubblici, effettuati ad Ostia, dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Roma Ostia e che ieri mattinata ha visto concentrare l’attenzione sul mercato coperto di via dell’Appagliatore. Nel corso dell’attività, è emerso che tre contatori dell’energia elettrica, ubicati nelle immediate adiacenze del mercato, che alimentano tutti i box dei banchi di vendita, erano stati manomessi.
Di proprietà della società di erogazione dell’energia elettrica “Acea”, ai dispositivi erano stati rimossi i sigilli metallici e manipolati i sensori deputati al rilievo dell’energia elettrica. I contatori così alterati assorbivano una quantità di energia elettrica nettamente superiore a quella misurata e quindi a quella effettivamente contabilizzata in bolletta.
Sette gestori dei banchi e proprietari dei box che venivano alimentati dai contatori manomessi, sono stati arrestati per furto aggravato e accompagnati questa mattina presso le aule del Tribunale di Piazzale Clodio per l’udienza di convalida dell’arresto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here