Ostia, Unione Comitati: “Tutto fermo per gli stabilimenti. Niente decadenze o demolizioni”

 

11/4/2016 – “Dal 17 marzo, giorno dell’incontro in Campidoglio con il sub-Commissario Ugo Taucer, sono passate ormai più di 3 settimane. Le rassicurazioni dateci in quell’occasione sono state smentite dai fatti: nessuna ruspa, nessun mezzo delle forze armate si è visto per demolire gli abusi più evidenti perpetrati sulle spiagge della Capitale”. Lo dice l’Unione dei Comitati di Ostia che da tempo si batte per l’accesso al mare e il ripristino della legalità sulle spiagge del Litorale romano. “Non abbiamo letto nessuna notizia di avvio delle decadenze delle concessioni per quei gestori balneari che hanno utilizzato il demanio marittimo come se fosse loro proprietà privata, negandone non solo l’accesso, ma persino la visibilità a noi cittadini. Nell’attesa dell’Ordinanza sindacale per la ormai prossima stagione balneare, le ultime dichiarazioni del Commissario Vulpiani in televisione sono uno schiaffo alla fiducia che finora l’Unione dei Comitati di Ostia ha voluto accordare alla Commissione Straordinaria del Municipio X: “Tanto gli interessati lo sanno che, se rimuovono, nessuno muoverà l’esercito. Più di tanto non si può essere veloci, ci sono dei tempi, come nel fare il pane, c’è bisogno di lievitare, soprattutto che certe convinzioni vengano assorbite e certe abitudini vengano perse”. Ebbene noi non siamo disposti ad aspettare “il tempo di lievitazione” del senso civico dei gestori balneari che per decenni ci hanno impedito l’accesso libero al nostro mare. Leggi e regolamenti vanno rispettati da tutti, – concludono – altrimenti il cittadino potrebbe perdere la fiducia nelle istituzioni; e questo è un danno ben più grave. Le cattive abitudini andranno subito perse nel momento in cui le ruspe demoliranno tutti i muri di recinzione illegali e tutti gli abusi finora commessi sul demanio marittimo, restituendoci per prima cosa la vista e l’accesso al nostro mare”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here