PAROLA AL LETTORE – Il Campidoglio  annuncia l’avvio delle prime decadenze delle concessioni balneari sul mare di Roma

21/3/2016 – Associazione Mare Libero, quale membro dell’Unione Comitati di Ostia,  ha partecipato con una sua rappresentanza alla riunione del 17 marzo in Campidoglio alla presenza del commissario Ugo Taucer ed altri esponenti delle istituzioni capitoline. Non possiamo che accogliere con favore dopo tanti mesi di attesa e dichiarazioni contrastanti, l’annuncio dell’avvio, dopo le vacanze Pasquali, non solo delle demolizioni degli abusi commessi sul demanio Marittimo della Capitale, ma anche dei procedimenti di decadenza da noi più volte sollecitati: abusi denunciati ormai quasi un anno fa e per i quali nei mesi di mandato del Magistrato artefice di tale inchiesta, abbiamo supportato con i pochi mezzi a disposizione il lavoro di indagine svolto. Proprio per l’impegno portato avanti, e che non abbiamo mai lesinato a chiunque all’interno delle istituzioni dimostri di voler concretizzare il tanto auspicato ripristino di legalità sul nostro mare, sono diversi i punti che avremmo voluto chiarire durante l’incontro a Roma, e che  non è stato possibile affrontare vista  la Pluralità di interventi accordati alle diverse rappresentanze cittadine presenti alla riunione.
In attesa di inviare al commissario Taucer  e alla commissione Prefettizia del Municipio X un documento completo con gli approfondimenti da noi sollecitati, compresa la richiesta di una non più rimandabile messa a punto di Bandi Pubblici in ottemperanza alle Direttive Europee,  auspichiamo che  un altro punto  fondamentale  non venga più ignorato: avendo contezza che il Magistrato Sabella aveva già predisposto, la bozza di ben 15 provvedimenti di decadenza per i quali egli ha dichiarato di avere assoluta certezza di ottenere il risultato, ci auguriamo non venga più ritardato un consulto tecnico con il Magistrato artefice di tale inchiesta,i cui risvolti continuano ad essere confermati dalle indagini in corso.
Vista la difficoltà riferita dal Prefetto Vulpiani nel recepire le carte lavorate dal Dott. Sabella, e come da lui confermato nell’ultima audizione in Antimafia a risalire alle gravi violazioni perpetratesi negli anni,  ci auguriamo che un confronto tecnico con l’ex Assessore Alla Legalità il cui lavoro continua ad essere confermato dalla procura, non venga più rimandato: questo a supporto e a facilitazione stessa delle indagini portate avanti dalla commissione Prefettizia, la quale,avendo dovuto ricominciare dall’inizio il lavoro da lui avviato, non potrebbe che ricevere conforto da questo consulto. Come molti sanno Associazione Mare Libero, proprio per questo, aveva  avviato un appello affinché a supporto delle indagini, venisse conferito al dott Sabella un ruolo di garante tecnico negli uffici tutt’oggi preposti ai controlli e dove lo stesso aveva riscontrato le gravi omissioni oggi confermate dalla Procura: avendo saputo che la nomina da noi caldeggiata, pochi giorni fa si è tramutata in un possibile conferimento ancora più rappresentativo dell’attività meritoria da lui svolta, quale consigliere tecnico all’Anticorruzione a Palazzo Chigi, non possiamo che auspicare che questa nomina possa essere una buona occasione di confronto tra chi, ci auguriamo all’interno delle istituzioni, possa continuare a collaborare nella stessa direzione  affinché il ripristino di legalità atteso da tutti noi cittadini sul nostro mare possa proseguire senza ulteriori ritardi  potendo contare su tutte le risorse a disposizione, e sull’enorme lavoro fino ad ora  già svolto.

Associazione Mare Libero

CONDIVIDI

1 COMMENTO

  1. Premetto che penso sia giusto ripristinare molti scempi effettuati negli anni passati …. Mi dite voi cosa c’entrano tutte quelle famiglie che come me che quest’anno resteranno senza lavoro solamente perchè semplici gestori di attività commerciali all’interno di stabilimenti balneari????( vedi art. 45 bis)
    Altre famiglie disoccupate e solo per colpire i soliti noti…..
    Spero in una vostra risposta. Claudio Formiconi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here