Ostia, sigilli all’Hakuna Matata. Dubbi anche sulla concessione

4/3/2016 – Continuano i controlli negli stabilimenti balneari del Litorale Romano. Questa mattina è stata la volta del chiosco-stabilimento Hakuna Matata di lungomare Caio Duilio dove la polizia locale del X Gruppo è intervenuta in ottemperanza a quando disposto dal prefetto Domenico Vulpiani per la verifica della legittimità e conformità delle concessioni demaniali. Oggi gli uomini diretti dal Comandante Antonio Di Maggio, nel corso di un’operazione svolta in sinergia con la Capitaneria di Porto e la Polizia di Stato, hanno posto sotto sequestro lo stabilimento Hakuna Matata, per abusi edilizi di centinaia di metri quadri tra i quali un chiosco, un campo da beach volley e l’indebita appropriazione di locali comunali. Ma non solo. Fortissimi dubbi infatti, sarebbero emersi circa la legittimità della concessione, rilasciata dall’ufficio tecnico nel 2014 allo stabilimento e che ora è al vaglio dell’amministrazione per l’eventuale provvedimento di revoca. Lo stabilimento era gestito da Cleto Di Maria, già noto alle cronache giudiziarie e ritenuto vicino alla famiglia Balini. L’operazione si inserisce in un ampio contesto di verifica della legalità che ha già visto in numerosi stabilimenti storici l’intervento della polizia locale e che sarà destinata a concludersi, quando anche l’ultima delle decine di concessioni balneari sarà passata al setaccio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here