Ardea, pino crolla su un’auto. Morti due fratelli, un ferito grave (LE FOTO)

3/3/2016 – E’ di due morti e un ferito il bilancio dell’incidente provocato dalla caduta di un albero, questa mattina alle sei, all’altezza di via dei Colli Marini nel Comune di Ardea. Un pino si è schiantato su una Ford Focus nella quale viaggiavano tre persone, nei pressi del chilometro 36 di via Laurentina. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con quattro squadre e una autogru.

I due uomini morti sul colpo erano due fratelli egiziani di 55 e 45 anni, residenti a Lavinio e gestivano una frutteria a Roma, erano il conducente e il passeggero dell’autovettura. E’ stata invece estratta dalle lamiere e trasportata in elicottero all’ospedale San Camillo, la passeggera della Focus rimasta schiacciata. La donna, una infermiera 42enne italiana moglie di uno dei due fratelli deceduti, al momento dell’impatto con l’albero viaggiava sul sedile posteriore della vettura, ha riportato traumi e fratture agli arti superiori e inferiori. Nel pomeriggio le sue condizioni sarebbero migliorate e non sarebbe più in pericolo di vita. Sul posto, oltre al 118, sono intervenuti carabinieri e vigili del fuoco. Subito dopo il crollo dell’auto una seconda vettura, che sopraggiungeva, ha tamponato la Ford Focus non riuscendo a frenare in tempo per evitare l’impatto. Illesi i suoi occupanti. Per le operazioni di soccorso si è resa necessaria la chiusura del tratto stradale interessato dall’incidente.

Secondo quanto si apprende, sulla pianta è stato fatto un rilievo tecnico dal quale sarebbe emerso da una prima analisi che le radici erano malate. Al momento l’ipotesi più accreditata è che il maltempo avrebbe causato la caduta dell’albero sull’automobile. L’esame autoptico sui corpi delle vittime verrà effettuato domani all’istituto di medicina legale di Tor Vergata. Non è la prima volta che nella zona crollano al suolo gli alberi presenti lungo la carreggiata stradale e nel corso degli ultimi mesi i vigili del fuoco erano interventi ripetutamente per mettere in sicurezza piante pericolanti.

(Foto Luigi Centore)

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here