“Abbracciamo Capocotta” insieme per dimostrare l’amore per la spiaggia

29/3/2016 – “Abbracciamo Capocotta“. E’ lo slogan della manifestazione che il 17 aprile si terrà sulla spiaggia di Capocotta per “condividere il nostro dissenso, facciamogli vedere quanti siamo e non rimarremo inascoltati”. E’ quanto dicono sulla pagina Facebook “I Love Capocotta” promotori dell’iniziativa che si pone l’obiettivo di “far sentire cosa può fare l’amore, abbracciamo tutti insieme Capocotta e il nostro sogno di un paese migliore. Il vostro amore, il vostro dolore, la vostra sofferenza per le ingiustizie perpetrate dall’amministrazione per la privazione che noi tutti subiamo di questo magico luogo stanno facendo un lento lavoro, erodendo le certezze sulla Giustizia sul concetto di una applicazione cieca e crudele della legalità, a prescindere dalle conseguenze che noi tutti ed il luogo subiamo. Questa piccola iniziativa, – prosegue – l’idea di unire in un coro le nostre voci di protesta su questa pagina sta scalzando le certezze dei commissari e si sta facendo spazio all’idea che altre strade diverse dalla distruzione totale possano essere percorse.
Ma le nostre voci non debbono tacere finchè tutto questo scempio non sarà finito. Ci stanno togliendo tutto. Il nostro lavoro, le nostre città, le nostre libertà. Non ci toglieranno anche Capocotta, il simbolo di una natura vivibile, – proseguono – libera e gratuita per tutti noi che con civiltà ne vogliamo usufruire. Non spegneranno il nostro grido finché non ce la ridaranno con la possibilità di poterla vivere come in un paese civile, preservata e custodita da coloro che l’hanno protetta sino ad oggi e che hanno fatto in modo che tutti avessero la possibilità di accedervi certi della propria sicurezza e del proprio benessere, indipendentemente dalle proprie condizioni economiche. Capocotta era per tutti – concludono – ed era di tutti, non come la vicina Ostia “per pochi”. Capocotta era la spiaggia di tutti”.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here