Maccarese, esplode un tratto dell’oleodotto. Forse un tentativo di furto

6/2/2016 – Un incendio con esplosione si è verificato la scorsa notte alle 22.30 circa nelle campagne di Maccarese su un tratto dell’oleodotto Eni che rifornisce il carburante cherosene per gli aerei all’aeroporto di Fiumicino.
Sul posto, tra via Ghemme e via della Muratella, in un’area distante dalle abitazioni, sono intervenute 5 squadre dei Vigili del Fuoco con l’ausilio di una partenza emergenza chimica. Le operazioni di spegnimento sono durate circa tre ore. L’incendio che non ha causato feriti o danni potrebbe essere stato causato da un tentativo di furto. Non c’è stato sversamento di combustibile nel terreno. Dalle 23 per circa un’ora è stato chiuso il tratto dell’autostrada Roma-Civitavecchia in direzione Roma. Nessuna ripercussione invece sul traffico aereo.

Michela Califano, presidente del consiglio comunale di Fiumicino – “Sono in corso le verifiche da parte dei tecnici dell’Eni nella zona in cui, dopo un tentativo di effrazione intorno alle 22.00 di ieri sera, si sono sprigionate le fiamme dalla condotta all’altezza di via della Muratella. Secondo le prime informazioni l’incendio si è sviluppato in una zona limitrofa al territorio di Maccarese ma che ricade nel comune di Roma, sull’oleodotto Pantano di Grano – Seram Fiumicino. Le fiamme sono state domate grazie all’intervento di questa notte da parte dei Vigili del Fuoco. Sto comunque effettuando un sopralluogo insieme all’assessore all’ambiente Roberto Cini e a una pattuglia del corpo dei vigili urbani del comune di Fiumicino per verificare l’entità del danno e se ci sono ripercussioni nell’ambiente circostante. Rimane comunque il fatto gravissimo di un ennesimo incidente che riguarda queste condotte”.

Roberto Cini, ssessore all’Ambiente del Comune di Fiumicino, Roberto Cini – “A seguito del sopralluogo effettuato e come confermato dai responsabili dell’Eni, attualmente non risulta sversamento di materiale inquinante nell’ambiente circostante e nel canale adiacente la condotta interessata dall’incendio di questa notte. È confermato il fatto che il luogo nel quale c’è stato il tentativo di effrazione, e da cui si sono generate le fiamme, non è nel Comune di Fiumicino ma ricade nella competenza territoriale di Roma Capitale. Michela Califano che oltre ad essere Presidente del Consiglio comunale di Fiumicino ricopre anche il ruolo di Consigliere delegato all’Ambiente della Città Metropolitana invierà una nota al Comune di Roma per relazionare su quanto accaduto e affinché vengano prese le opportune misure di loro competenza. Per sicurezza, comunque, Eni ha messo delle panne assorbenti in due punti del canale e disposto un’analisi approfondita delle acque”. 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here