Ponte della Scafa, ancora uno stop, nuovi ritrovamenti archeologici

2/1/2016 – Nuovo stop per la realizzazione del nuovo Ponte della Scafa. Nuovi ritrovamenti sono stati fatti sulla sponda lidense nel punto in cui dovrebbe essere edificato il pilone del nuovo attraversamento. Ad essere riportati alla luce sono stati nuovi resti dell’antico molo di età romana. Ad annunciarlo è l’associazione Severiana. “Resta confermato l’andamento dell’antica linea di costa che vedeva l’ingresso delle navi romane presso la foce del Tevere, a quel tempo posizionata all’altezza dell’attuale Tor Boacciana, il presunto faro del porto fluviale di Ostia. I lavori di indagine archeologica, commissionati dal Comune di Roma, che vedono come responsabile del procedimento l’Ing. Roberto Botta del Dip.to S.I.M.U. e come archeologo responsabile la Dott.ssa Alessandra Ghelli, sono iniziati il 25 novembre 2015 e si sono conclusi pochi giorni fa. Ancora sono visibili nel terreno i fori dei carotaggi, scesi a 15 metri di profondità. Da scavi compiuti in due zone, una dentro un’area espropriata, l’altra a ridosso della torre, sono comparse strutture romane che lasciano intendere l’esistenza di moli analoghi a quelli massicci e imponenti ritrovati sul lato opposto di via Tancredi Chiaraluce. I soldi pubblici sono quelli provenienti dalla Delibera C.d.A. n.272 del 15 ottobre 2012 (fondo n.1238) della Soprintendenza Archeologica del Comune di Roma, destinati – proseguono – anche ai lavori di scavo, recupero e restauro delle imbarcazioni lignee ritrovate durante i saggi di scavo sull’Isola Sacra. Oggi tale cantiere (a destra, superato l’attuale Ponte della Scafa) è abbandonato, chiuso il 20 novembre 2015 dopo 8 mesi di attività. Anche di questi lavori non si sa nulla ma sembra che i legni delle navi romane siano stati tagliati e portati all’interno dell’area degli Scavi di Ostia, compromettendo così una futura e fedele ricostruzione delle stesse navi romane. Si amplificano dunque le incertezze sull’effettiva realizzabilità del Nuovo Ponte della Scafa, dubbi recentemente sollevati anche dal Comune di Fiumicino, nella persona dell’Assessore ai Lavori Pubblici Angelo Caroccia, più orientato all’ampliamento dell’esistente ponte e al raddoppio di via della Scafa con realizzazione di opportune rotatorie. Ora – concludono – si tratta di capire cosa intenderà fare la Soprintendenza Archeologica perchè oltre ad aver speso fino ad oggi oltre 2 milioni di euro per tali sondaggi, ha dichiarato in data 8 settembre 2015 che serviranno altri 6 mesi per completarli ed emettere il proprio parere”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here