Fiumicino, L’Associazione “2punto11” contro il DDL Cirinnà

26/1/2016 – “Il riconoscimento dei diritti alle coppie di fatto, di qualsiasi orientamento sessuale, è ormai un dato di fatto. Ma la famiglia è e rimane un’altra cosa“. Lo dice Gabriele D’Intino, dell’associazione culturale “2punto11”. “Altri tipi di unioni non possono considerarsi famiglia o matrimonio. Con il ddl Cirinnà non si vuole solo sovvertire quella che è un’istituzione millenaria sulla quale si è costruita la nostra società, ma ‘sdoganare’ un nuovo tipo di prostituzione e business. Madri surrogate, uteri in affitto, stepchilid adoption sono il macabro proseguimento di questo disegno di legge che contiene i semi ideologici dei baroni della sinistra progressista per scardinare i valori della nostra cultura. Non possiamo accettare che tutto questo avvenga. La nostra posizione rimane ferma a difesa della famiglia tradizionale composta da padre, madre e figli. Per questo siamo contro il ddl Cirinnà e per questo auspichiamo che il Parlamento lo bocci quanto prima”.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here