Canale dei Pescatori: incontro deludente con la Commissione Prefettizia

20/1/2016 – Un incontro che non ha soddisfatto nessuno quello che ieri gli operatori del Canale dei Pescatori hanno avuto con la Commissione Prefettizia. Una riunione dalla quale sia l’associazione Canale dei Pescatori sia gli operatori ittici e i gestori dei rimessaggi si aspettavano di avere notizie concrete relativamente al bando per la manutenzione del corso d’acqua ma che invece si è trasformato in un nulla di fatto. Mentre infatti il corso d’acqua si sta nuovamente insabbiando a causa delle mareggiate e di fatto ha annullato tutti i minimi risultati che si erano ottenuti nel corso dell’intervento effettuato alla fine dello scorso inverno l’unica informazione utile emersa è stata che il bando è ancora in fase di realizzazione e dovrebbe essere pronto entro la settimana, quindi rispettando i tempi tecnici l’appalto non verrà assegnato entro due/tre mesi a ridosso della scadenza delle analisi sulla sabbia, necessarie per la sua rimozione. Nel corso della tavola rotonda a cui hanno preso parte anche il Direttore del Municipio Cinzia Esposito e il Comandante della Capitaneria di Porto di Fiumicino è stato anche affrontato il tema dei possibili rischi idrogeologici derivanti dall’insabbiamento del Canale. “La Commissione – spiega Vincenzo Basso, presidente dell’Associazione Canale dei Pescatori – ha escluso che la chiusura della foce possa comportare rischi per quanto riguarda la sicurezza del territorio. Il prefetto Vulpiani – spiega ancora Basso – ha comunicato che il Municipio è in attesa dei 70 milioni di euro del Piano di riqualificazione complessivo del Litorale necessari per interventi per Ostia e che comprende interventi anche per il Canale dei Pescatori come la ristrutturazione dei moli esistenti e del prolungamento di quello di destra per limitare il fenomeno dell’insabbiamento, la ristrutturazione del Ponte del Lungomare Caio Duilio e del Ponte di Castelfusano e la manutenzione per la pulizia dell’aveo del Canale, dalla foce all’interno, per circa Km. 3,5. Per l’accreditamento di tali indispensabili fondi la Commissione è in continuo contatto con la Regione. Per l’immediato, – spiega ancora il presidente dell’Associazione Canale dei Pescatori – cioè per un dragaggio a breve tempo, nell’impossibilità di procedere in regime di “somma urgenza”, il Municipio cercherà di coinvolgere i mezzi della Protezione Civile o della Regione LazioIn conclusione pur rendendoci conto della particolarità del momento, delle difficoltà della Commissione Straordinaria,  preso atto dell’impegno e della disponibilità dell’Amministrazione Municipale non possiamo che constatate – conclude Basso – che la soluzione dei problemi del Canale è ancora lontana”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here