Alessandro Ieva lascia la guida del cdq Bagnoletto

24/1/2016 – Terremoto all’interno del comitato di quartiere Bagnoletto. Il suo presidente Alessandro Ieva ha infatti rassegnato le dimissioni dalla sua carica. “Sono cresciuto cosciente che ogni mia azione avrebbe prodotto un effetto. La consapevolezza che “fare è il miglior modo di dire”, citando Josè Martì, l’ho acquisita nel tempo. – spiega Ieva – Il percorso della vita mi ha portato spesso ad affrontare ostacoli impegnativi, le energie emotive e fisiche spese sono state tali da insinuare in me il dubbio di poterli superare, ma aver incontrato persone dal forte valore morale mi ha aiutato a credere che ogni difficoltà, anche la più complessa, deve essere affrontata e superata. L’impegno sul territorio, attraverso l’associazionismo, ha stimolato in me il sentimento di poter cambiare lo stato generale di degrado ambientale e culturale che ci avvolge. Ho sempre creduto nella possibilità di migliorare il luogo in cui viviamo attraverso il coinvolgimento delle persone, creando momenti di incontro e confronto, valorizzando ognuno per mezzo di tutti. Il cambiamento è possibile solo se si è liberi di scegliere, se si è onesti, se si ha voglia di mettersi a disposizione degli altri senza chiedere nulla in cambio. La possibilità esiste, lo strumento per attuarlo si chiama “Politica”, quella sana, quella che – prosegue Ieva – cura gli interessi dei cittadini e del territorio e non delle lobbies. Questo strumento voglio usarlo per fini nobili, con l’idea che il cambiamento è possibile. Ho sempre sostenuto che la politica partitica deve essere lontana dalle Associazioni e dai Comitati di Quartiere, accusando chi, iscritto ad un partito, svolge attività con cariche decisionali nell’ambito dell’associazionismo. Con la stessa onestà intellettuale, comunico la mia decisione di rassegnare le dimissioni irrevocabili dal Comitato di Quartiere Bagnoletto per avere la possibilità di fare scelte libere e non strumentalizzabili. Come da premessa, le mie scelte produrranno degli effetti, – termina Ieva – sarà mio compito renderli positivi e ripagare anni di fiducia riposta nei miei confronti. Il mio impegno sul territorio non finisce con queste dimissioni, ma viene rilanciato”.
“Alla luce della volontà formalmente espressa, i membri del Cdq  non hanno potuto fare altro che prendere atto delle volontà di Alessandro Ieva verso il quale non hanno trovato sufficienti parole per ringraziarlo di quanto fatto – spiega il vice presidente del cdq Marco Fagnani – per il quartiere; per l’impegno profuso durante la sua carica; per il grande esempio di appartenenza di correttezza e di trasparenza che ha caratterizzato il suo percorso e caratterizzano la sua persona. Lui ha riportando non solo il Cdq di Bagnoletto fra i Comitati più attendibili ed ascoltati del territorio ma è anche riconosciuto ed apprezzato referente del Coordinamento sulla Sicurezza Idraulica del X Municipio nonché – conclude Fagnani – promotore di iniziative sociali che superano il limite territoriale di quartiere o del Municipio”.

CONDIVIDI

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here