Google Glass: il museo del futuro presentato da Mirko Di Ciaccio al #gdgromalab

di Fabiana Boiardi

5/12/2015 – Alla convention Google Developers che si è tenuta al Campus X di Roma Tor Vergata, Mirko Di Ciaccio ha presentato il progetto del Google Glass. L’idea, sviluppata con la collaborazione di ETT e Lazio Innova, è far vivere al visitatore un’esperienza altamente tecnologica e innovativa.
Il visitatore si ritroverà immerso in una visita multimediale alla scoperta della storia dell’antica Roma. Questo avviene tramite il Google Glass e dei dispositivi che si chiamano Beacon. I Beacon sono dei trasmettitori basati sulla tecnologia Bluetooth Low-Energy di piccole dimensioni e vengono alimentati da una batteria interna. E’ possibile impostare il raggio di trasmissione da un minino di 1.50 metri fino a 70 metri e la scelta della frequenza di invio del segnale da 2 secondi fino a pochi centesimi di secondo.
Tramite l’App il visitatore può fruire di contenuti video ricchi di approfondimenti, foto e ricostruzioni 3D, frutto di un minuzioso studio di immagini d’epoca e contenuti archeologici. Grazie ai Google Glass, il visitatore non deve toccare ne impostare nulla, è tutto automatico.
Il tour comincia non appena viene noleggiato l’occhiale in biglietteria e finalmente il visitatore “è libero di vivere il museo!” MGB (Museo Glass Beacon) – Il Museo del futuro è attualmente in sperimentazione presso Mercati di Traiano, Museo dei Fori Imperiali.
Se non hai seguito l’evento live o con la diretta di Antonio Proietti (Radio Stonata), cerca i link su #gdgromalab e #fingerlinks.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here