Acilia, carabinieri arrestano padre e figlio spacciatori. La droga nascosta nei pacchetti di patatine

10/12/2015 – Due cittadini pachistani, padre e figlio, di 40 e 17 anni, nullafacenti e domiciliati ad Acilia, sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorsoIeri pomeriggio, i militari, impegnati in alcuni controlli antidroga, hanno notato i due stranieri aggirarsi con fare sospetto tra alcuni gruppi di spacciatori della zona. La cosa che però ha insospettito in modo particolare i militari è stata, visto le temperature attuali, la borsa frigo di quelle che si utilizzano per andare al mare che il 40enne portava con se al seguito. Sono stati quindi pedinati fino a via Ostiense dove, all’altezza della stazione ferroviaria di Casalbernocchi, sono stati identificati e perquisiti. Dentro la borsa frigo, i Carabinieri hanno rinvenuto alcuni pacchetti di patatine, che però contenevano droga, 100 g di hashish e altri 120 g di marijuanaI militari hanno effettuato una seconda perquisizione presso l’abitazione dei due dove hanno rinvenuto e sequestrato altra droga, ulteriori 530 g di hashish, altri 400 g di marijuana, 50 g di cocaina, due bilancini di precisione e tutto il materiale utile al confezionamento della droga nonché 950 euro in contanti, probabile provento dell’illecita attività di spaccio. Portati in caserma il 40enne è stato trattenuto, il figlio è stato condotto presso il centro di prima accoglienza per minori di Virginia Agnelli, in attesa di essere sottoposti al giudizio direttissimo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here