Ostia, la denuncia dell’ex assessore Sabella: “L’Ufficio condono ha occultato gli abusi”

19/11/2015 – “Sono 71 le concessioni ad Ostia per stabilimenti balneari, le ho fatte controllare tutte e ho trovato tantissime irregolarità e violazioni palesi che dovrebbero portare alla revoca o alla decadenza delle concessioni”. Lo ha detto l’ex assessore alla Legalità del Comune di Roma, Alfonso Sabella, nel corso dell’audizione in commissione Antimafia. “Ho fatto l’errore grandissimo di rimandare tutto al 1 ottobre per non pregiudicare la stagione estiva, poi le vicende che hanno riguardato il Comune mi hanno impedito di completare il lavoro di revoca e l’avvio di decadenza delle concessioni dove sono stati consumati abusi edilizi che sono stati occultati, lo dico con cognizione di causa, presso l’ufficio condono edilizio di Roma, dove giacciono delle pratiche con domande di condono che sicuramente saranno rigettate, visto che si tratta di abusi edilizi commessi sul demanio in zone ampiamente vincolate. Dovrebbero essere rigettate ‘de plano’ – ha aggiunto – ma ciò non è avvenuto e sono state messe nel calderone delle oltre 200mila pratiche di condono edilizio e li’ sarebbero rimaste per anni se non fossi intervenuto io, che ho chiesto di tirarle fuori dal mucchio e di istruirle, cosa che so si sarebbe dovuta iniziare a fare ma non so cosa sia avvenuto successivamente”. 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here