Ostia, la preside vieta l’accesso alle psicologhe e una studentessa autistica resta senza terapia a scuola

15/10/2015 – Lasciata senza terapia psicologica rischia di perdere i progressi fatti in tanti anni di cure. E’ quando accade nell’Istituto Comprensivo Parini di via delle Azzorre dove G.L. studentessa autistica della seconda media dall’inizio dell’anno scolastico si trova a non aver più l’assistenza delle psicologhe dell’Anffas a causa della decisione della preside di non consentire l’accesso al personale che svolge assistenza agli studenti autistici. “Fino allo scorso anno mia figlia – spiega P.O. mamma della studentessa – ha sempre svolto le terapie comportamentali specifiche per gli autistici con psicologhe che seguono i bambini a casa e in tutti gli ambiti che frequentano aiutandoli a integrandosi negli ambienti dove vivono. La preside – prosegue la mamma – quest’anno ha deciso che le psicologhe non possono entrare a scuola nonostante il dirigente del Tsmree abbia mandato l’autorizzazione. Ho scritto ripetutamente per chiedere chiarimenti ma – prosegue la mamma – non ho mai avuto risposta. E quindi non sappiamo al momento quale sia il motivo di questa decisione visto che negli anni passati non c’erano stati problemi. A questo punto sarò costretta a presentare una diffida nei confronti della scuola perché di fatto sta interferendo con il diritto di mia figlia a proseguire il suo piano terapeutico”.
“Gli interventi sull’autismo a differenza di altre “patologie” vengono svolti a scuola – spiegano dall’Anffas che segue da anni la ragazzina – Il motivo è semplice: gli obiettivi di qualunque intervento su ragazzi con disturbi dello spettro autistico è favorire la loro integrazione con il resto del gruppo, evitare l’isolamento e osservare come il ragazzo reagisce all’interno del gruppo. La procedura prevista da una circolare della Regione Lazio è semplice: il Tsmree dell’Asl Roma D invia una richiesta scritta sanitaria all’istituto che può anche negare l’intervento in classe. Cosa però che non avviene mai poiché la richiesta riguarda casi specifici ed è motivata dalla necessità specifica di quell’intervento. Mentre tutte le altre scuole hanno risposto positivamente alle varie richieste arrivate dal Tsmree dell’Asl Roma D, il dirigente scolastico dell’istituto Parini quest’anno ha detto di no senza dare alcuna motivazione”. “In quanto associazione di famiglie ed ente che svolge riabilitazione, il nostro obiettivo è che tutto ciò che venga fatto sia a vantaggio del ragazzo e degli alunni della classe – spiega Stefano Galloni, direttore generale Anffas Ostia Onlus – Noi ci metteremo a fianco delle famiglie nella speranza che quei pochi dirigenti scolastici che ancora non capiscono la differenza tra un progetto educativo e una seduta di fisioterapia possano ravvedersi. La nostra è un’azione di mediazione tra le famiglie e la scuola. La nostra priorità è che l’ambiente scolastico sia sereno per tutti”.

CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. Questa preside non lo sa gestire la scuola. Unico metodo educativo lei ha un espulsione!!Ma quale integrazione…Di pedagogia non si ne parla…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here