Ostia e Fiumicino, in manette otto pregiudicati

28/9/2015 – In quest’ultimo week-end i carabinieri della Compagnia di Ostia hanno arrestato otto pregiudicati, raggiunti da altrettanti provvedimenti di cattura emessi dall’Autorità Giudiziaria; si tratta di D.F.M. 31enne di Ostia, riconosciuto colpevole di reati contro il patrimonio, S.F. fiumicinese di 26 anni; qualche giorno fa gli stessi carabinieri lo avevano denunciato perché si era allontanato dal luogo dove era stato sottoposto agli arresti domiciliari a seguito di una violenza sessuale, l’Autorità Giudiziaria ha quindi disposto la revoca del beneficio sostituendo la sua misura degli arresti domiciliari con la custodia in carcere. A Ostia, M.M. 47enne lidense, con precedenti pere furto, è finito in manette in esecuzione di un mandato che ha sostituito l’obbligo di presentazione giornaliera in caserma con la custodia agli arresti domiciliari. Ad Acilia, i carabinieri hanno arrestato S.L. 39enne rumeno, senza fissa dimora, pregiudicato per resistenza a pubblico ufficiale. Anche in questo caso, l’Autorità Giudiziaria ha sostituito la misura che disponeva l’obbligo di presentazione giornaliera in caserma con la custodia in carcere, avendo l’uomo più volte violato gli obblighi che gli erano stati imposti. Analoga misura è stata adottata dagli stessi carabinieri nei confronti di P.K. residente in via Alberto Galli ad Acilia. Infine, i militari della Stazione di Fiumicino hanno dato esecuzione a un provvedimento restrittivo nei confronti di V.B. cittadino albanese di 30 anni, pregiudicato e senza fissa dimora, riconosciuto colpevole di furto aggravato, L’uomo dovrà scontare in carcere 2 anni e 9 mesi. A Ostia, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato P.C. 43enne romano già sottoposto agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, non trovato in casa durante un normale controllo. Infine i militari del Nucleo Radiomobile hanno arrestato F.B. 27enne bengalese, in Italia senza fissa dimora, con l’accusa di riciclaggio e furto aggravato. L’uomo già noto alle forze dell’ordine per i suoi trascorsi con la giustizia, è stato controllato alle prime luci dell’alba in piazzale Magellano mentr’era alla guida di una Peugeut 207 provvista del sola targa anteriore. Dai successivi controlli è emerso che la targa era stata rubata da una Fiat Panda anteriore nel centro storico di Roma. Le indagini hanno permesso di accertare che la Peugeut era stata invece rubata a Roma lo scorso 21 settembre.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here