Fiumicino, scoperta base per il riciclaggio di automobili

16/9/2015 – Erano da poco passate le 9.30 ieri mattina a Fiumicino quando una pattuglia della Polizia in abiti borghesi, percorrendo via Passo della Sentinella, ha notato una persona, volto noto alle forze dell’ordine, cercare di chiudere il cancello d’ingresso della sua abitazione per evitare di farsi notare. L’atteggiamento sospetto però non è sfuggito agli agenti che, fermatisi hanno impedito al cancello di chiudersi e bloccato l’uomo, A.A. di 51 anni. Nello stesso istante i poliziotti hanno udito ‘anomali’ rumori metallici provenire dal giardino della proprietà, nascosto da un telone di plastica posto come divisorio. All’interno vi erano due persone, anch’esse già conosciute alle forze dell’ordine, intente a smontare un’autovettura che, dalle indagini successive, è risultata rubata in zona Casalpalocco.
Bloccati, C.V. di 58 anni e D.S.A. di 44 anni, entrambi romani, gli investigatori hanno rinvenuto un’apparecchiatura elettronica denominata “Jammer” – solitamente utilizzata per inibire i sistemi di allarme satellitare collocati sui veicoli, l’attrezzatura utilizzata per ‘tagliare’ le autovetture, pezzi di altre autovetture su cui sono in corso accertamenti. Il tutto è stato posto sotto sequestro.
Le 3 persone, accompagnate negli uffici del commissariato di Fiumicino, ultimate le indagini, sono state arrestate per riciclaggio di auto rubate.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here