Roma-Lido, ritardi e la rabbia dei passeggeri

3/7/2015 – Ancora una giornata da incubo per gli utenti della Roma-Lido che si sono dovuti confrontare con ritardi ormai insostenibili. Ancora una volta a dare la versione ufficiale di quanto accade ma che non riflette i disagi patiti nella realtà dagli utenti è il comunicato ufficiale di Atac. “Anche nel corso della giornata odierna – scrive Atac – si sono verificati rallentamenti in metropolitana, sulla linea A e B, e sulla Ferrovia Roma-Lido, che è stata limitata dalle 18 in poi nel tratto Lido-Centro Colombo, costringendo l’azienda ad attivare un servizio sostitutivo e di supporto in superficie per improvvisa indisponibilità di convogli o di personale di condotta. L’azienda è intervenuta tempestivamente per limitare i disagi dei viaggiatori e ha attivato un attento monitoraggio per valutare se siano in corso fenomeni correlati ad iniziative individuali come già rilevato nella giornata di mercoledì 1 luglio, dovuti all’applicazione anche al personale operativo del sistema automatico di rilevazione delle presenze, peraltro già in uso per il restante personale dell´azienda. Nel caso gli approfondimenti confermino tale ipotesi l’azienda è pronta a procedere denunciando i responsabili per interruzione di pubblico servizio. Atac – prosegue la nota – si scusa con i viaggiatori e ricorda che l’azienda è fortemente impegnata in un processo di cambiamento organizzativo e di normalizzazione volto a migliorare l’affidabilità nelle prestazioni di servizio erogate ed a conseguire livelli di efficienza e produttività in linea con gli standard dei migliori operatori del settore. L’azienda ricorda che sono state avviate e sono tutt’ora in corso negoziazioni con le Organizzazioni Sindacali per la individuazione di concerto con le medesime, di soluzioni e misure atte a superare ogni e qualsivoglia impedimento di carattere normativo rispetto ai citati obiettivi del piano industriale”.

MOVIMENTO 5 STELLE

Ancora una Odissea per i viaggiatori della Roma – Lido che oggi alle 16,30 si trovavano a Porta San Paolo per tornare ad Ostia. Una marea di pendolari accampati sulla banchina in attesa di un convoglio in partenza.
Scene deprimenti, sotto la calura estiva, tra passeggeri colti da malore e utenti che imprecavano contro il personale Atac che si barricava negli uffici ripetendo a cantilena improbabili guasti ai convogli senza spiegarne i motivi.
Tutto ciò, sotto lo sguardo incuriosito dei turisti in vacanza a Roma che riprendevano con i telefonini le scene di protesta. Ormai il comune e la Regione Lazio sono allo sbando, incapaci di gestire un problema che ormai è diventato più grande di loro e del loro malaffare.
Solo alle 17,30 gli utenti sono potuti partire su un treno senza aria condizionata, simile ad un carro bestiame. L’avventura per molti non è finiva li. Tutti giù dal treno a Lido Centro e di corsa sulle navette: direzione le altre stazioni fino a Cristoforo Colombo. Noi siamo pronti per caricarsi sulle nostre spalle le rovine di una città fatta scempio da malgoverni di destra e sinistra che si sono succeduti negli ultimi venti anni per finire con “Ignaro Marino”.
Che la parola torni agli elettori.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here