Idroscalo, torna l’incubo sgombero

25/7/2015 – Torna l’incubo sgombero per i residenti dell’Idroscalo. A denunciarlo è la Comunità Foce del Tevere. “Da ieri è in corso un’operazione di censimento da parte della Polizia Municipale di Roma Capitale, inviata dal Sindaco Ignazio Marino, secondo quanto riferiscono loro stessi. Ci domandiamo non solo se l’avv. Alfonso Sabella sia al corrente, ma soprattutto le ragioni di questo ennesimo censimento, dal momento che le riunione svoltesi nelle settimane scorse in Comune per parlare dell’Idroscalo di Ostia sono avvenute partendo proprio dal censimento che venne effettuato sotto la giunta municipale di Vizzani. Si tratta – proseguono – della famosa quanto fantomatica ‘lista di proscrizione’ che è sempre stata negata dal Dipartimento delle Politiche Abitative e che non solo è nelle loro mani, ma è oggetto di incontro tra i dipartimenti e le forze di polizia. Viene riconfermato anche oggi il fonogramma che mette in allerta l’AMA per uno sgombero che avverrà nelle prossime settimane (forse in due fasi), all’Idroscalo di Ostia. Inoltre, è stato chiesto alle persone sgomberate il 23 febbraio 2010 di svuotare i container nei quali sono stati riposti in tutti questi 5 anni i loro beni, perché hanno necessità di liberarli quanto prima. Ricordiamo che questa vicenda è stata una delle pagine buie dell’illegittimo sgombero ad opera di Alemanno e di Antonio Di Maggio, il Di Maggio attuale capo dei Vigili del Litorale. L’area, di proprietà privata, viene pagata dal Comune di Roma. Infine, – proseguono – abbiamo chiesto all’Avv. Sabella di consentire la partecipazione, a nome del Coordinamento Territoriale dell’Idroscalo, di Don Franco De Donno alla riunione che si terrà il 29 luglio presso la sala delle Bandiere in Campidoglio, uno spiegamento di “forze” tra Protezione Civile Regionale e Municipale, la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato, la Capitaneria di Porto, la Polizia Locale di Roma Capitale, i Carabinieri, il Vice Prefetto Aggiunto. Si è ottenuto soltanto un incontro il 30 luglio tra Don Franco De Donno, l’Avv. Sabella e il Prefetto. E’ chiaro che anche questo incontro non lascia sperare nulla di buono, essendo un incontro per parlare di operazioni di ordine pubblico. Per altro qualcuno ha anche affermato che è in corso una trattativa per sospendere operazioni più invadenti fino a dicembre. In questa stato di confusione – concludono – la paura tra le famiglie cresce, la tensione anche. Abbiamo bisogno di chiarezza e non di rivivere echi che ci riportano ad una pagina vergognosa della storia di Roma che troppi fingono di aver dimenticato. Chiediamo, vogliano e pretendiamo un percorso di legalità condiviso e non essere esclusi dalle intenzioni di un’amministrazione che non si sta muovendo in modo trasparente”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here