Casapound: “Vietato manifestare in via dei Remi, sit-in spostato di 200 metri”

23/7/2015  – “Evidentemente ad Ostia esistono zone dove gli italiani non sono ben accetti e tollerati, ed il divieto di manifestare in via Remi imposto nei nostri confronti ne è l’esempio lampante”. Così Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano, ha annunciato lo spostamento del sit-in organizzato dal movimento in programma domani alle 18 da via dei Remi a viale Paolo Orlando. “Una strada ostaggio di immigrati e sbandati che dalla mattina alla sera la occupano fisicamente contribuendo al degrado di un’area adiacente alla stazione Lido Centro da anni abbandonata dalle istituzioni. Siamo costretti a spostarci di duecento metri ma questo non cambierà la fermezza della nostra intenzione di sottrarre via Remi e le vie limitrofe all’incuria della politica. Non lasceremo soli i residenti e quei pochi commercianti italiani rimasti e siamo lieti che finalmente grazie alla nostra mobilitazione, dopo addirittura due anni, nella giornata di ieri siano finalmente tornati i mezzi dell’Ama in via Remi. Un primo risultato raggiunuto a cui vogliamo dar seguito domani con una raccolta firme in viale Paolo Orlando per chiedere più sicurezza, un’illuminazione adeguata, maggiori controlli degli esercizi commerciali, la riqualificazione del verde pubblico e delle strade oltre ad incentivi da parte del municipio per gli italiani che intendono aprire attività commerciali nella zona”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here