Azuni (Sel): Roma-Lido, una storia senza fine

17/7/2015 – “E’ la Roma-Lido, che continua a rimanere nella hit delle notizie negative, tra Caronte che infiamma le temperature e la rabbia dei pendolari che esplode all’ennesimo guasto”. A dirlo è Maria Gemma Azuni del gruppo Sel dell’Assemblea Capitolina. “Oggi, come ieri e quasi ormai tutti i giorni, il convoglio si è fermato, all’altezza della stazione Vitinia senza aria condizionata; i passeggeri invitati a scendere, nella disperazione collettiva, furiosi e stremati hanno aggredito verbalmente i macchinisti. Nel frattempo ignoti hanno tirato sassi contro il parabrezza del treno, circostanza, che ha determinato la chiamata, addirittura dei carabinieri di Ostia. La condizione è ormai insostenibile e questa tratta sembra essere stata abbandonata totalmente senza che si facciano gli interventi basilari e necessari per recuperarla. Bisogna, subito prevedere e pianificare un servizio di autobus/navette di sostituzione immediata in caso di interruzione della linea. Sembra, però, manchi una visione condivisa tra i due attori (Regione – Roma Capitale) sul futuro della linea  come se sul piatto vi siano opzioni più facili, in una situazione così disastrosa, come la  possibilità/necessità a questo punto  di introdurre un soggetto privato. Auspico che si attivino le sensibilità, le risorse e le competenze necessarie per eliminare una volta per sempre questa indecorosa situazione e che ogni attore (Regione – Roma Capitale – ATAC) si assuma le sue responsabilità verso i cittadini e lavoratori, assicurando il controllo della Roma Lido come di tutto il TPL romano al Servizio Pubblico, perché il bene comune non può essere svenduto”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here