Ostia Antica, furto di piante lungo la pista ciclabile. A piantarle i bimbi della materna Arcobaleno

8/6/2015 – Un gesto inutile. E’ il furto che nel corso della notte alcuni ladri hanno portato a segno Ostia Antica. Nella nottata infatti i ladri, o sarebbe meglio definirli vandali, si sono hanno rubato alcune piante che erano state posizionate dai bambini della scuola per l’Infanzia “Arcobaleno” lungo l’area verde che costeggia la pista ciclabile di via del Collettore Primario durante la manifestazione “Miglioriamo il nostro quartiere” . “La scuola d’infanzia – spiegano da La Ciurma – fa parte della virtuosa rete cittadina “Miglioriamo il nostro Quartiere” nata con la collaborazione di moltissime realtà della zona, libere e non strumentalizzate da nessun partito, al fine di dar seguito, con azioni di riqualificazione strutturale e culturale, al gruppo “A ognuno il suo perché” promosso dal  Simonetta Luci seguita da un sempre crescente numero di cittadini attivi e operosi.  I sospetti cadono sul gesto di qualche persona della zona, probabilmente italiani, o sul casale occupato abusivamente e sede recentemente di un rave illegale. I commenti della gente sono diversi e si va dalla critica alle istituzioni per essere vicini alle iniziative/slogan come la cosiddetta ‘battaglia della legalità’ con le ruspe e gli autoblindi sui lucrosi waterfront e molto molto meno sul cosiddetto ‘retrofront’ ovvero le zone di vita reali e quotidiane delle persone e magari attraverso semplici poliziotti in borghese, pattuglie e qualche semplice volante”.
Dove sono i partiti sempre presenti con e parole e le feste, le bonifiche da un giorno – sbotta un anziano del quartiere – quando qui ci rubano tutto e nessuno ci tutela? Come ci controllano, per la festa di San’Aurea o per il Palio di Ostia Antica, anche la virgola dei permessi di ogni genere (suolo, siae, impatto acustico) quando fanno feste e festini drogati e delinquenti senza che nessuno dica nulla”. “La cittadinanza lidense – conclude La Ciurma – continua ad essere sempre molto più scettica sulla gestione del territorio passata dall’assoluta impermeabilità della Giunta Tassone alla triste e avvilente lontananza del Commissariamento che riduce la partecipazione popolare alla vita pubblica alla mera presa d’atto di provvedimenti che, da quanto si vede come nell’ultimo fatto di cronaca, sono davvero opinabili”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here