Da Ostia alla Sardegna per le donne africane

20/6/2015 – Da Ostia alla Sardegna per l’Amref per le donne e i bambini africani. E’ la nuova impresa che ha preso il via ieri alla Lega Navale di Ostia e che vede per protagonista Francesco Gambella, 41 anni, record man di Kayak estremo e Riccardo Marchesini, 51 anni, campione paraolimpico di canoa, vittima di un grave incidente in moto che, all’età di 17 anni, gli ha provocato la perdita di una gamba. 128 le miglia marine che separano Ostia da Porto San Paolo in Sardegna che il duo percorrerà con la sola forza delle braccia e l’unico comfort di una barca appoggio – guidata da un altro record man, lo skipper Tullio Picciolini – che fungerà da ristoro nelle poche ore di sonno in notturna, per l’alimentazione e per qualche checkup medico. La partenza ha avuto per scenario una postazione dalla quale, esattamente 21 anni fa, Gambella diede vita alla sua prima sfida contro il mare a sostegno di Telethon e l’inizio di una carriera sportiva estrema per dar voce a chi non ne ha. A distanza di quattro lustri, infatti, i due sportivi rievocheranno la sfida col mare per sostenere la salute delle donne e dei bambini africani, tramite Amref, organizzazione non governativa della quale Gambella è testimonial dal 2006 e per la quale ha portato a termine quattro imprese estreme, come il Giro d’Italia in canoa del 2007, la Malindi Mombasa del 2008, la Lake Victoria Kayak Expedition del 2010 e la Zanzibar Kayak Expedition del 2011. Obiettivo della raccolta fondi collegata all’impresa – che avrà il patrocinio della Federazione Italiana Canoa Kayak e dell’Expo – sarà sostenere: le cure alle madri e ai bambini; il lavoro degli operatori sanitari per portare salute alle famiglie, nelle aree remote dell’Africa. Aree che Gambella e Marchesini hanno visitato a Novembre 2014.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here