Ostia, sgomberata palestra legata agli Spada

15/5/2015 – A dare il via libera è stato il Sindaco Marino firmando una querela “contro l’occupazione di un immobile del Campidoglio da parte di una attività, la Femus Art School, legata alla famiglia Spada. Sulla base di questo oggi Alfonso Sabella è intervenuto facendo cessare questo scandalo. Le mani dei clan erano arrivate a Ostia quasi dappertutto”.
Questa mattina quindi in via Forni gli uomini del reparto di polizia giudiziaria del X gruppo diretti dal comandante Antonio Di Maggio e dagli agenti del gruppo di Sicurezza Pubblica Emergenziale hanno eseguito lo sgombero e il sequestro preventivo della palestra Femus Art School. Uno spazio “occupato abusivamente almeno dal 2005”, spiega l’assessore capitolino alla Legalità e delegato per il X Municipio, Alfonso Sabella, che potrebbe diventare “un simbolo di legalità”. Interpellato in merito, l’assessore ha poi precisato: “Lo spazio sequestrato è di proprietà del Comune ed era stato occupato abusivamente almeno dal 2005 dall’associazione Femus art school, composta dalla titolare della scuola Elisabetta Ascani, dal compagno Roberto Spada e da un altro familiare”. “Dopo essere stato informato dei fatti, ieri il sindaco ha presentato una querela per occupazione abusiva e oggi la squadra della polizia municipale è intervenuta e ha effettuato il sequestro preventivo, che si è svolto senza problemi”, ha ricostruito Sabella. “Abbiamo fatto quello che dovrebbe fare qualsiasi amministrazione – ha aggiunto – provare a tornare in possesso del proprio patrimonio soprattutto quando viene utilizzato per scopi commerciali. Ora stiamo ragionando su come utilizzare quello spazio. Vorremmo tentare di mettere un simbolo di legalità. Il contesto però non è dei migliori, sinceramente ho qualche problema a chiedere alle persone di andare lì a fare gli eroi”.
Soddisfatto il sindaco Marino: “Stiamo lavorando per ristabilire pienamente la legalità e sgomberare ogni angolo dalle infiltrazioni e dagli affari della criminalità organizzata. Con Alfonso Sabella, che ho delegato alla guida del X Municipio, stiamo agendo con determinazione ed efficacia su tanti fronti, dal diritto di tutti i romani di accedere al mare, alla garanzia che gli spazi pubblici non cadano nelle mani sbagliate”.

Su Twitter anche il commissario del Pd per Ostia Stefano Esposito parla dell’argomento: “Ad Ostia palestra degli Spada stava abusivamente in stabile di proprietà comune di Roma da oggi non più”. Sceglie sempre Twitter Raffaele Clemente Comandante Generale della Polizia Locale di Roma Capitale “Ad Ostia la polizia Locale sgombera un locale illecitamente occupato dalla famiglia Spada”. Sempre in un tweet il commissario del Pd Roma e presidente del Pd, Matteo Orfini afferma: “Passo dopo passo la nostra battaglia per ripristinare la legalità continua”.

“Stima e gratitudine ai Vigili Urbani che stamani hanno eseguito il provvedimento di sgombero della palestra Femus Art Scool”, dice l’Assessore alla Legalità e delegato al X Municipio, Alfonso Sabella, che ha voluto ringraziare, personalmente e a nome del Sindaco Ignazio Marino, gli agenti della Polizia Municipale intervenuti a sostegno dell’Amministrazione. Con il provvedimento di sgombero, Ostia torna in possesso di un proprio bene, illegalmente utilizzato da soggetti vicini alla criminalità. “Stiamo chiedendo a tutti un super lavoro per ripristinare la legalità e i diritti dei cittadini onesti – aggiunge Sabella – e abbiamo ricevuto, da parte dei Vigili Urbani, una risposta di efficienza e coraggio”, conclude Sabella.

“Bene l’Assessore Sabella che ha annunciato il sequestro preventivo della palestra in via Forni ad Ostia: l’operazione trasparenza avviata dopo tanti anni dall’Amministrazione comunale sulle modalità di gestione del patrimonio pubblico consentirà di scoprire nel Municipio X tante “sorprese”. Ne ho segnalato alcune ‘insospettabilì all’Assessore, sulle quali confido interverrà al più presto”. Così in una nota il consigliere capitolino del Pd Francesco D’Ausilio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here