Movida, arriva l’ordinanza contro l’abuso di alcool

30/5/2015 – “Movida e abuso di alcol non devono rovinare la bella atmosfera delle serate romane. Per questo, in collaborazione con la Polizia Locale e con i Municipi, siamo al lavoro per preparare un’ordinanza anti alcool, con l’auspicio che questo strumento possa a breve essere sostituito con l’approvazione del regolamento della Polizia urbana. Per questa estate saranno ancora necessarie misure straordinarie per disincentivare la vendita e l’acquisto di bevande alcoliche a basso costo nelle aree a maggiore impatto, individuate insieme ai Municipi e alla Polizia locale secondo le segnalazioni effettuate sui territori. Abbiamo quindi effettuato una revisione delle aree geografiche e costruito un impianto di restrizioni orarie per disincentivare il consumo massiccio, ma evitare anche forme di ‘migrazione’ da aree in cui vigono i limiti verso zone in cui non sono previsti”. Lo dichiara, in una nota, l’assessore alla Roma Produttiva Marta Leonori.
“L’impianto di quest’anno – prosegue – conferma il divieto di vendita per asporto dalle ore 22, orario previsto anche come limite per il consumo di bevande su area pubblica in contenitori di vetro. Dalle 24 è vietato consumare alcolici su area pubblica ed è anticipato alle 2 il limite per le somministrazioni. Il controllo del rispetto dei divieti sarà fondamentale per fronteggiare un fenomeno che interessa sempre di più giovani e giovanissimi. A tal fine abbiamo avviato contatti diretti con la Prefettura e contiamo che il supporto e la collaborazione della Polizia municipale favorirà il rispetto dell’ordinanza. Oltre alle zone già interessate dall’ordinanza dello scorso anno – Isola Tiberina, Banchina del Tevere, Campo de’ Fiori/ Piazza Navona, Monti, Celio, Trastevere, Testaccio, Prati, San Lorenzo, StazioneTiburtina, Piazza Bologna, Piazzale Flaminio, Pigneto, Torpignattara, Marranella, Ostia, Ostiense, Ponte Milvio – quest’anno compaiono anche Esquilino/Stazione Termini, Montesacro e Casl Bertone. Per il futuro – conclude – con il nuovo regolamento sulla polizia urbana ci auguriamo che il fenomeno venga disciplinato in maniera definitiva e con strumenti ordinari”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here