Leonardo Da Vinci, Del Greco: “Stiamo sentendo una testimone”. Area sotto sequestro

7/5/2015 – Nessun atto doloso, ma un corto circuito nell’area commerciale ha provocato il rogo. Lo conferma il presidente dell’Enac Vito Reggio. Nel frattempo domato l’incendio che ha distrutto oltre 400 metri quadrati del Terminal T3 del Leonardo Da Vinci la Procura di Civitavecchia ha aperto un’inchiesta sul rogo e il pm Valentina Zaratto, che procede per incendio colposo contro ignoti, ha disposto il sequestro dell’intera area interessata dalle fiamme. 

Gli investigatori stanno inoltre sentendo in queste ore una testimone. “Stiamo sentendo una teste che ci ha indicato l’origine dell’incendio in un vano dietro il frigorifero dell’esercizio commerciale”, ha spiegato il vice questore Antonio Del Greco. “La dipendente del bar ha fatto subito allontanare le persone e poi è scattato l’allarme, attorno a mezzanotte. E’ una testimonianza che stiamo valutando secondo gli elementi che hanno i vigili del fuoco”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here