Incendio Leonardo da Vinci, Arpa: “Valutazione su diossina aspetta all’Asl”

26/5/2015 – “L’Arpa ha svolto un’analisi di tipo strumentale su richiesta della Asl che ha la titolarità del procedimento intero. Le eventuali valutazioni su possibili ricadute sanitarie competono alla Asl. Non essendoci dei limiti di legge su questi valori, non abbiamo modo di dire se sono stati superati. Sono stati trovati valori di diossina, Pcb e furani in misura superiore ad altre analisi fatte a seguito di incendi, analisi che però erano state fatte all’aperto, con una dispersione naturale degli elementi nell’aria. Essendo queste fatte al chiuso è normale che i valori siano in misura superiore”. È quanto si è appreso da Arpa Lazio, in merito alle analisi effettuate dall’agenzia regionale nel Terminal 3 dell’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino dove la notte tra il 6 e il 7 maggio scorsi è scoppiato un incendio. “Il problema – dicono da Arpa Lazio – è la concentrazione dei valori rispetto al tipo di lavoro, rispetto al luogo in cui si trovano: questa è una valutazione sanitaria che devono fare Asl o Istituto Superiore di Sanità. Abbiamo iniziato i campionamenti all’interno del terminal 3 a partire dallo scorso 12 maggio. È un’attività continuativa che prosegue in diverse zone del terminal. I dati sono stati trasmessi alla Asl”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here