Fiumicino, inaugurata la targa in ricordo di tutte le vittime della mafia

25/5/2015 – Si è tenuta questa mattina, in Largo Giovanni Falcone, la cerimonia di commemorazione del 23mo Anniversario delle Stragi di Capaci e Via d’Amelio, nelle quali nel 1992 persero la vita i giudici palermitani Paolo Borsellino e Giovanni Falcone insieme con i valorosi uomini della scorta.
L’Associazione Acis Premio Città di Fiumicino “Contro tutte le mafie” insieme con l’Amministrazione Comunale, rappresentata dal Presidente del Consiglio Michela Califano e dall’Assessore Roberto Cini, hanno deposto una corona di alloro presso il largo dedicato alla memoria del giudice Falcone e inaugurato la targa e l’albero di ulivo dedicata a tutte le vittime della mafia.
Alla commemorazione hanno preso parte gli studenti delle classi quinte della Scuola Primaria “Ettore Marchiafava”, Istituto Comprensivo Maccarese, i quali hanno letto alcuni pensieri dei giudici Falcone e Borsellino a conclusione del loro progetto di “Cittadinanza e Legalità” promosso dalle insegnanti della scuola primaria in collaborazione con i volontari dell’Associazione Acis.
Accanto ai ragazzi della scuola elementare a presentare i loro lavori dedicati alla lotta alle mafie sono stati gli alunni della Scuola Media “Emilio Segre” di Fiumicino, Istituto Comprensivo Lido del Faro, i quali hanno realizzato cartelloni, opere in ceramica, striscioni e temi lasciati simbolicamente sull’albero d’ulivo ed accanto alla targa.
Alla cerimonia sono intervenuti altresì i rappresentanti delle forze dell’ordine territoriali, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Polizia Locale e Capitaneria di Porto e l’Associazione Nazionale Polizia di Stato sezione di Fiumicino.
Nel corso della manifestazione il Segretario dell’Associazione Acis, Fernanda De Nitto, ha ricordato il valoroso e coraggioso esempio di legalità e giustizia lasciato dai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che insieme alle loro scorte sacrificarono la vita per la lotta alle mafie e letto i messaggi di saluto e vicinanza arrivati all’Associazione da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dal Presidente del Senato Pietro Grasso.

“I ragazzi devono essere protagonisti di una memoria da non cancellare”. Lo ha detto questa mattina, in occasione della cerimonia organizzata dall’Acis, la presidente del Consiglio Comunale Michela Califano. “Ricordo molto bene quei giorni terribili – ha spiegato la presidente Califano – quando arrivò la notizia che la mafia aveva colpito il cuore dello Stato. Noi abbiamo la carta costituzionale più bella del mondo e dobbiamo pensare che, probabilmente, il diritto che abbiamo acquisito lo dobbiamo anche a gente come Falcone e Borsellino, agli uomini della loro scorta e alle forze dell’ordine che, ogni giorno, ci proteggono e proteggono i nostri diritti. La scuola è importante per i ragazzi, così come è importante che i genitori trascorrano cinque minuti del loro tempo a trasmettere la memoria del proprio Paese e dei fatti importanti, per creare in futuro dei cittadini consapevoli”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here