PAROLA AL LETTORE – Lettera aperta ai cittadini di Bagnoletto

Caro concittadino/a,
fuori dal tuo giardino c’è il tuo quartiere, non trascurarlo! Solo così potrai godere il piacere di vivere a Bagnoletto. Diversamente avrai pure una casa bella, un giardino fiorito, ma in un pessimo contesto esterno che, certamente, e dequalificante! Si, è proprio così! Il nostro quartiere deve migliorare, deve essere curato, deve crescere molto per non morire nel degrado e nell’assenza di servizi. Ovvero di quelle carenze che tanto critichiamo e che ci minano il quotidiano. Per questo motivo sono anni che il CdQ Bagnoletto si occupa del luogo dove viviamo, con l’obiettivo di creare condizioni di vita in sicurezza, in armonia, in serenità collettiva. Per questo abbiamo sempre operato in solidarietà. Per imparare a pensare che il problema non può e non deve restare solo il tuo, ma deve essere condiviso dal tuo vicino. Lo abbiamo fatto nella consapevolezza che per stimolare la crescita sociale, serve partecipazione e condivisione! Un’impresa ardua, lo sappiamo, soprattutto quando non si può vantare di avere una scuola o uno spazio pubblico idoneo.
Abbiamo continuato a lavorare, studiando documenti amministrativi, partecipando a commissioni municipali e ad incontri con comitati e associazioni del territorio. Abbiamo monitorato ogni situazioni che potesse determinare una criticità al quartiere e ai cittadini. Abbiamo sempre puntato sul coinvolgimento dei residenti con tutti i mezzi d’informazione a disposizione.
Grandi battaglie morali quelle che sono state affrontate rivendicando i diritti negati. Enormi sono le difficoltà soprattutto di fronte ad un’Amministrazione sorda e cieca. Il dissesto idrogeologico è l’argomento al quale ci siamo dedicati maggiormente e con maggiore dispendio di energie fisiche e non solo, sia per sostenere le istanze nelle aule istituzionali, sia nel monitoraggio costante dei canali collaborando anche con la Protezione Civile nella fase di allerta meteo. Ma uno sviluppo sociale non sarà mai tale senza una scuola ed un idoneo luogo pubblico.
Per veder crescere una comunità e i rapporti sociali all’interno di questa, siamo fermamente convinti che serve la dotazione di una scuola e di un luogo pubblico dove sia possibile confrontarsi. L’idea del parco poligenerazionale era la base da cui partire.
Per la scuola un percorso difficile portò a far approvare, nel 2012, la realizzazione di tre aule delle materna. Ma anche in questo caso la macchina amministrativa si è bloccata in dirittura di arrivo.
Per il parco del quartiere abbiamo fatto un percorso istituzionale condiviso con i cittadini e un progetto è stato già depositato presso il X Municipio
Il CdQ, pur in assenza di una scuola nel quartiere, si è occupato dei temi legati all’Assistenza Educativa Culturale e ai Presidi Sanitari scolastici a garanzia dei diritti sanciti dalla Costituzione quali Studio e Assistenza sanitaria.
Crediamo, inoltre, che la socialità si costruisca anche con minime azioni quotidiane fuori dal proprio muro di cinta, come in strada quando vi si deve lasciare il contenitore dei rifiuti!
E con preciso riferimento alla strada ed ai rifiuti il CdQ non è stato da meno. La viabilità ed in particolare la sicurezza stradale, è un argomento che ci vede coinvolti in modo particolarmente attento, in collaborazione con il Servizio Segnaletica e Strade del X gruppo Mare della Polizia locale. Il tema dei rifiuti ed in particolar modo il sistema di raccolta differenziata PaP (Porta a Porta) è diventato un  nuovo problema che dobbiamo imparare a gestire. Soprattutto in ordine alle azioni incivili che determinano situazioni di degrado e di insalubrità. Per attuare quanto sinteticamente rappresentato, serve una gestione organizzata come fatto sino ad ora dal  CdQ. Ora il Direttivo deve essere rinnovato e presto saranno avviate le procedure per le nuove elezioni.
Seguiteci e mettetevi a disposizione, del resto in questo quartiere dovranno crescere i nostri figli!
Cordiali saluti,

Per il CdQ Bagnoletto
Il Presidente
Alessandro IEVA

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here