Ostia, pugno duro per chi chiude la spiaggia: multe e revoca della concessione

29/4/2015 – Non solo divieto di biglietterie e obbligo di fasciatoi negli stabilimenti, “nell’ordinanza per la stagione balneare 2014 ci sono diverse novità: ad esempio basta una sola violazione al libero accesso al mare per far decadere la concessione“. ‎Lo spiega l’assessore alla Legalità e delegato al Litorale Alfonso Sabella. “Se un concessionario fa pagare l’ingresso o impedisce a una persona di entrare in spiaggia per arrivare al mare – specifica – avvieremo immediatamente il procedimento di revoca della concessione. Apertura degli stabilimenti e apertura dei servizi‎, visibilità del mare, normative per le recinzioni e sicurezza: abbiamo inserito piccoli dettagli che nel futuro saranno importanti. Cominciamo a costruire l’idea del lungomare che noi vogliamo ottenere ad Ostia. E dal primo maggio iniziano le verifiche‎”.
Secondo l’ordinanza che entrerà in vigore il prossimo primo maggio l’avvio delle procedure per la decadenza della concessione avverrà con l’accertamento anche di una sola violazione agli obblighi di: ‎non ostacolare il passaggio nei varchi, consentire il libero accesso al mare, esporre gli orari d’apertura dell’ingresso, non apporre indicazioni come “biglietteria”, “ticket” etc.. che possano creare confusione per il libero accesso alla battigia, predisporre idonei percorsi sulla spiaggia per consentire a disabili e mamme con bimbi in passeggino di muoversi all’interno delle aree in concessione e di arrivare al mare.
Per non “perdere” la spiaggia, i concessionari dovranno‎ inoltre stare attenti a delimitare le concessioni con materiali non ancorati al suolo, apporre in modo ben visibile ad ogni ingresso apposita cartellonistica 40 per 50 cm in italiano, inglese e tedesco per il libero e gratuito accesso a mare e transito fino alla battigia. L’ordinanza inoltre vieta l’uso di filo spinato, recinzioni con aculei, nonche’ siepi, barriere e materiale che possa limitare la visuale al mare oltre i limiti fissati dal Pua.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here