Ostia, Izzo (Radicali): “Stagione balneare con vista sul lungomuro”

30/4/2015 – “Oggi sono vari i partiti che affollano il pontile di Ostia per gridare al vento la loro paternità di “conquiste” fatte sul litorale romano in termini di legalità; alcuni, come M5S e SEL, usano – dice Paolo Izzo, esponente del Partito Radicale e già Segretario dell’associazione Radicali Roma – persino le stesse identiche parole dei comunicati e delle interviste di quei pochi tra noi Radicali Roma che davanti al “lungomuro” hanno trascorso fisicamente gli ultimi anni e, nei fatti, sono stati il principale motore delle cosiddette ruspe della legalità, nonostante, fino a pochi mesi fa, fossero praticamente da soli in quella battaglia difficile – ma tutt’altro che vinta – rinfrancati solo dal tiepido calore di volenterosi mezzi d’informazione locali e dal sostegno delle centinaia di cittadini che hanno firmato le nostre denunce e petizioni. Pur tuttavia, quella battaglia è soltanto cominciata, appunto: a meno di un giorno dalla apertura ufficiale della stagione della piccola Expo balneare di Roma, – prosegue Izzo – con l’alibi di varchi pubblici che già si stanno richiudendo (vedi stabilimento Shilling – La Rotonda) per l’intervento del Tar a favore degli stabilimenti, o con la roboante apertura di una spiaggia “Libera” e poco più, le promesse intanto si affastellano al sole, pur non riuscendo ancora a superare, in altezza larghezza e profondità, i metri di lungomuro che un sistema fuori legge ha potuto costruire nell’omertosa connivenza decennale delle istituzioni. Riusciranno Ignazio Marino e Alfonso Sabella a rendere subito effettive le loro promesse e ad applicare, come i Radicali chiedono da anni, quelle norme che renderebbero “legale” il demanio pubblico romano, anche solo per poter entrare liberamente in spiaggia, loro e noi, non attraverso i “varchi”, bensì dalle porte principali delle 67 concessioni che sbarrano il lido della Capitale? La speranza che ciò si realizzi è uno dei pochi beni comuni che ci sono rimasti. Proprio come il mare”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here