Ostia, Sel: Chiarezza sulla mancata apertura del poliambulatorio di via Paolini

20/2/2015 – “L’ospedale Grassi di Ostia, l’unica struttura sanitaria presente su tutto il territorio del Municipio X, ha un bacino d’utenza di oltre 300mila residenti con un rapporto di posti letto/abitanti pari allo 0,8 per mille contro i 3 per mille previsti dalle normative. I 300 posti letto disponibili sono circa 1/3 dei posti letto che le normativa prevede su tutto il territorio del Municipio X. Questo dato è sufficiente per capire come mai l’unica struttura ospedaliera del nostro territorio viva condizioni di affanno che si trasforma in autentica congestione nei momenti dell’anno più delicati, quelli dove la richiesta di assistenza sanitaria è massima”. Lo dice in una nota Marco Possanzini, coordinatore del circolo SEL “Casa della Sinistra X Municipio”. “A fronte di questa condizione reale, il Circolo SEL “Casa della Sinistra X Municipio” chiede ai dirigenti della Asl RomaD di spiegare, all’Amministrazione Municipale e a tutti i residenti, come mai la struttura Poliambulatoriale di via Paolini, nata per accogliere parte dei servizi erogati dalla struttura del Sant’Agostino al fine di liberare spazio per la realizzazione della  Casa della Salute, sebbene collaudata e pronta per essere inaugurata, non risulti ancora in funzione. Questo presidio sanitario, pronto da mesi e inspiegabilmente ancora inattivo, può integrare l’offerta di assistenza sanitaria e alleviare la congestione permanente in cui versa la struttura dell’Ospedale Grassi di Ostia Lido. Riteniamo essenziale  l’aumento del numero dei presidi sanitari nel nostro Municipio, soprattutto in quelle aree che ne sono completamente sprovviste, come ad esempio la zona dell’Infernetto. Il Circolo SEL “Casa della Sinistra X Municipio” chiede che venga realizzata quanto prima una struttura sanitaria, così come già individuato dal Consiglio Municipale, presso l’ex oratorio di San Tommaso, all’Infernetto. Il Circolo SEL “Casa della Sinistra X Municipio” chiede al Presidente Tassone e alla Giunta di Centro Sinistra di farsi carico delle nostre richieste perché la tutela della salute non può ammettere ritardi o inerzie. Di nessun tipo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here