Axa: l’Ufficio Tecnico non risponde e le buche restano al loro posto

16/2/2015 – Un vero e proprio paradosso quello che si sta verificando all’Axa. Il consorzio non può infatti riparare le buche che nelle ultime settimane si sono aperte sulle strade a causa della mancata risposta dell’Ufficio Tecnico del X Municipio.
A raccontare quanto si sta verificando è Maurizio Giandinoto, portavoce del consorzio Axa. “Il problema nasce dal fatto che l’Ufficio Tecnico del Municipio ignora il Consorzio Axa. A tal punto che, oltre a non pagare da ben 4 anni il contributo per la riparazione delle strade, non concede neppure il cosiddetto “visto di congruità”, ovvero il permesso per realizzare i lavori stradali dopo aver constatato la “congruità” dei preventivi presentati e in base ai quali in un secondo tempo rifondere parte delle spese al Consorzio. Il paradosso è proprio questo – prosegue Giandonoto – senza il “visto di congruità” se il consorzio invece di limitarsi a tappare una buca rifacesse una strada, anche solo un tratto come servirebbe alla parte finale di Via Eschilo in direzione di Piazza Fonte degli Acilii, sarebbe passibile di multa! E lo stesso se decidesse di attingere al fondo cassa e utilizzare solo i contributi dei consorziati! Insomma, la morale è che l’Axa si deve tenere buche e strade dissestate, almeno finché il Presidente Castellucci, dopo l’apertura ai problemi consortili da parte del Sindaco, Ignazio Marino, non avrà parlato con l’Assessore Comunale ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci. L’incontro è previsto entro la fine di febbraio e sarà l’occasione per discutere anche della TASI e della TARI, tasse che attualmente i consorziati pagano in buona parte due volte, una al Comune e una al Consorzio”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here