Alberi abbattuti a Ostia, Belmonte: non 1.000 ma 187 grazie a censimento informatico alberature

12/12/2014 – “In merito ad alcune notizie apparse nei giorni scorsi sulla stampa, voglio precisare che gli alberi abbattuti a Ostia non sono 1.000 (o quasi 1.000) come riportato, ma precisamente 187“. Lo dichiara in una nota l’assessore all’ambiente e alla sicurezza del X Municipio Marco Belmonte. “Tengo, inoltre, a sottolineare che gli interventi di messa in sicurezza delle alberature nel X Municipio sono partiti in due fasi: in seguito alle alluvioni, eventi che ci fecero ritenere indispensabile il controllo dello stato delle piante a seguito di numerosi crolli delle piante, e dopo la morte di un nostro concittadino sulla via Cristoforo Colombo, avvenuta nel dicembre del 2013 a causa della caduta di un pino. Questo tragico evento ha obbligato l’amministrazione municipale, che si era insediata da pochi mesi ma era rimasta profondamente segnata dalla vicenda, a dare la priorità assoluta al controllo delle piante che si trovano a ridosso delle strade, vicino alle scuole o a parchi frequentati da bambini.
Ne è seguito un lungo censimento delle alberature, che mai era stato effettuato nel nostro territorio, e quindi l’abbattimento delle piante che, stando alle valutazioni degli agronomi, potevano rivelarsi pericolose. Tornando agli abbattimenti di cui parlano gli organi d’informazione c’è da aggiungere che grazie al censimento informatico delle alberature (GIS) avremo una scheda relativa alla storia di ciascuna pianta che consentirà di controllarne anche lo stato di salute. Al momento, sono state cartellinate 10mila piante e censite 12mila. I miei uffici rimangono comunque a disposizione di associazioni e comitati che abbiano bisogno di ulteriori chiarimenti sulla questione.
Fermo restando che, per rispetto della gravità degli eventi che ci hanno obbligati a quei controlli, come amministrazione riteniamo prioritaria la messa in sicurezza delle alberature. Per quanto è nelle nostre possibilità, faremo di tutto per evitare quello che è successo un anno fa. Altra questione altrettanto doverosa è quella di provvedere a piantare nuove alberature giovani che potranno sostituire quelle abbattute e su questo stiamo già avviando uno studio”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here