VOLLEY – Evoluzione Ostia, prima vittoria in B/1

Evoluzione Ostia -Rieti  3-2 (23/25-19/25-25/19-25/21-15/12)

Ostia VC: Angelelli, Di Romano, Cesari, Visintini, Caracci, Giometti, Rossi, Patti, Rrena, Rocci, Alessandrini, Lamarte (L1), Ricci (L2)
All. Grechi/Guzzo
Dir. Campanella
Scoutman Pucci

L’Evoluzione Ostia fa sua la prima partita nel campionato nazionale di serie B/1 e incamera due punti vincendo per 3 a 2 una gara che l’ha vista prima precipitare all’inferno e poi risorgere in paradiso. L’Ostia comincia con Angelelli in palleggio e Rossi in opposto, Giometti e Cesari al centro, Patti e Rrena a banda, libero Lamarte, nel corso della contesa entreranno Visintini e Rocci. E’ la partita del dentro o fuori, le lidensi sanno benissimo che una sconfitta le manderebbero in profonda crisi, l’impatto con la partita e’ buono ma l’ansia del risultato si fa pressante, nei primi due set ancora qualche sbavatura e si va sotto due a zero, nel terzo rifunziona di nuovo il muro, consigli a non finire dei tecnici questa volta oltre che ascoltati messi in pratica, e si va subito sul 10/6, poi sul 17/10 timida reazione del Rieti ma non c’è nulla da fare si chiude subito a 19. Conquistato il primo set del campionato nel quarto e’ un monologo dell’Ostia che chiude a 21 controllando la gara, ma le ragazze ostiensi non si accontentano del punto conseguito in classifica con il due pari, nel quinto mettono il cuore oltre la tecnica, vogliono vincere, e lo fanno bene con un crescendo, segno di una buona condizione fisica mentre il Rieti fatica e di vede, si vince a dodici ma è un dettaglio le ragazze volevano dimostrare qualcosa e ci sono riuscite, primi due punti in classifica e domenica si va a Pesaro, la capolista.
“E’ stata la vittoria del cuore, – dichiara il presidente Piero Colantonio – della voglia di vincere, volevano dimostrare a loro stesse che la categoria è per loro, che non sono di passaggio ma vogliono meritarla la B/1, quando si gioca con calma e tranquillità si mettono in pratica tutte le direttive dei tecnici, ha  funzionato di nuovo  il muro nostro grande fondamentale, e ricordo che abbiamo due centrali del ’96, ha retto la ricezione e di conseguenza si è costruito pulito e si sono viste le potenzialità in attacco, questa e’ la squadra che abbiamo costruito in estate, i tuttologi sono serviti, ma è altrettanto vero che il Rieti lo ha permesso perché siamo sullo stesso piano tecnico, con altre compagini più forti è più difficile ma ci proveremo lo stesso, dobbiamo e vogliamo salvarci per iniziare un percorso importante.”
E il tecnico Grechi soddisfatto ma esigente “Abbiamo vinto, ma potevamo soffrire di meno, e’ pur vero che venivamo da cocenti delusioni perché non ci riusciva nulla, avevamo troppo l’apprensione alla gara, ora speriamo di averla superata, domenica ci aspetta un impegno per nulla facile, ma dalle mie ragazze voglio un segno della loro crescita, solo così potremo affrontare le prossime partite con serenità.”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here