Volley B/1 – Evoluzione Ostia tabù trasferta

Evoluzione Ostia  

Angelelli 4, Di Romano  Visintini  Cesari 1, Giometti 10, Caracci 1, Rossi 8, Patti 3, Rrena 5, Alessandrini 1, Rocci Lamarte (L1) Ricci (L2)
All. Grechi/Guzzo
Dir. Campanella
scoutman Papari/Pucci.

San Giustino

Francia 19, Mautino 10, Ihnatsiuk 8, Ceppitelli 7, Escher 6, Marcacci 2, Izzi, Barneschi, Rosso, Kus, Rocchi(L1) Fabbri (L2).
All.Brighigna/Morani.

Arbitri Mesano e Libardo di Bologna.

Ancora una volta una trasferta amara per l’Evoluzione Ostia in terra umbra, in quel di San Giustino, una gara che già difficile è stata difficilissima per l’esordio nella formazione di casa di Mirka Francia, giocatrice cubana di fama internazionale, però malgrado tutto ciò le ragazze lidensi sono andate vicino alla conquista del primo set perdendolo ai vantaggi a 26, dopo aver sfiorato la vittoria del parziale portandosi in vantaggio per 25/24 e 26/25, invece di continuare sullo slancio dell’entusiasmo di aver sfiorato la vittoria del set hanno mollato davanti allo strapotere degli attacchi delle umbre.
L’Ostia VC si presenta in campo con il solito sestetto Angelelli in regia opposto capitan Rossi, al centro Giometti e Cesari, a banda Patti e Rrena, libero Lamarte, durante l’incontro mister Grechi le ha provate tutte ma con scarsi risultati, specialmente al centro ruotando tutte le centrali, ora la prova della verità domenica con l’abbordabile Fortitudo Rieti, siamo sicuri che in società si farà del tutto per galvanizzare le ragazze e portarle alla partita con molto serenità. “Domenica non era la partita per andare in paradiso – spiega il presidente Piero Colantonio – ma per come si era messa la gara e non avendo nulla da perdere mi aspettavo qualcosina in più, ora vediamo domenica prossima con il Rieti al PalaAssobalneari, le sabine hanno in classifica tre punti, conquistati con il Trevi, abbiamo l’obbligo morale di provare a fare punti, io e i miei collaboratori staremo tutta la settimana vicino alla squadra dimostrandogli la nostra fiducia, senza ripetere la prova incolore della scorsa gara, ma sono sicuro che le ragazze hanno capito l’antifona di questo campionato e come va affrontato, bisogna dimenticare la gara precedente e guardare alla successiva con fiducia e tanto lavoro in palestra e con l’aiuto del pubblico ne usciremo fuori, ma con quello vero, quello che apprezza i sacrifici giornalieri degli allenatori e dirigenti, e non quello formato da tuttologi che per fortuna si contano sulle dita di una mano.”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here