Da Tor Sapienza all’Infernetto: una domenica di protesta (VIDEO + FOTO)

17/11/2014 – Una domenica di protesta all’Infernetto. In tanti, dopo un tam tam su internet durato appena 24 ore, si sono riuniti ieri mattina davanti al centro di accoglienza in via Salorno dove nei giorni scorsi sono stati trasferiti 24 minorenni dalla struttura di Tor Sapienza. Una manifestazione pacifica per la sicurezza del quartiere e per protestare contro una decisione piombata sul X Municipio senza alcuna concertazione con l’amministrazione e senza aver minimamente coinvolto i cittadini. Una protesta apolitica che ha visto però la partecipazione o l’espressione di vicinanza di diversi esponenti politici. Dal Sindaco Ignazio Marino e il vice Sindaco Luigi Nieri che nel pomeriggio hanno incontrato una delegazione dei cittadini e insieme all’assessore al Welfare e alla Salute del X Municipio hanno effettuato un sopralluogo a porte chiuse per la stampa nella struttura di accoglienza.

Franco Gobbi, presidente del Coordinamento Infernetto al termine dell’incontro ha tracciato un quadro molto chiaro di quale sia la reale situazione all’interno del centro di accoglienza. “Al termine del sopralluogo il sindaco Marino ci ha presentato i piccoli ospiti e ne ho ricavato una impressione veramente incredibile. Frequentano le scuole medie a Tor Sapienza, hanno stabilito un grande rapporto di affetto e umano con le loro operatrici sociali. Impauriti e terrorizzati anche per tutta la folla che hanno visto ai cancelli di via Salorno. Il Sindaco ha ammesso errori di comunicazione tra Comune, Municipio e i cittadini ed ha spiegato che lo spostamento all’Infernetto è stato motivato dal tentativo di assicurare loro sicurezza personale chiaramente in pericolo, non è la soluzione migliore ma sarà temporanea. I ragazzi vogliono tornare a Tor Sapienza perchè ormai lì sono stabiliti rapporti personali, affetti, frequenza a scuola. Insomma non vogliono stare all’Infernetto. Non torneranno nella struttura di Tor Sapienza ma – prosegue Gobbi – affidati a strutture e case famiglia in corso di individuazione nei pressi delle loro scuole, per non far perdere i corsi scolastici. Nel frattempo verranno trasportati ogni giorno a scuola dall’Infernetto. Il Sindaco ha discusso con noi molto la questione sicurezza del quartiere e si è impegnato a darsi da fare per ottenere un presidio delle forze dell’Ordine. Io ho aggiunto che è necessaria, per partire dalla sicurezza minima e rispetto adeguato delle norme di convivenza e civico, la presenza della Polizia Municipale oggi totalmente inesistente.”

Nel frattempo il Comitato Difesa del X Municipio ha annunciato per sabato alle 16 in via Salorno una nuova manifestazione cittadina contro il centro profughi. “Portare gli immigrati di Tor Sapienza all’infernetto non è la soluzione. – spiegano dal Comitato – La politica scellerata di Mare Nostrum ed il fallimento del sindaco Marino hanno generato una vera e propria emergenza sociale che non può e non deve essere scontata sulla pelle delle famiglie italiane, in un quartiere già abbandonato a sé stesso e al degrado. Invitiamo i cittadini, i comitati e le associazioni del territorio ad intervenire e partecipare”.

Una manifestazione che sarà preceduta domani alle 18 da un incontro tra Emanuela Droghei, assessore al Welfare e alla Salute del X, cittadini e comitati di quartiere della zona nella sala Giovanni Paolo II della parrocchia San Tommaso.

I COMMENTI

Luigi Nieri, vice sindaco di Roma Capitale

Emanuela Droghei, assessore al Welfare e alla Salute del X Municipio

Giuseppe Sesa, capogruppo PD del X Municipio di Roma Capitale

Mariacristina Masi coordinatore di Forza Italia del X Municipio

CasaPound Italia litorale romano

IL VIDEO DELLA MANIFESTAZIONE

 

LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here